Ex Fornace, in Regione si torna a parlare di degrado e insicurezza dell'area - Tuttoggi

Ex Fornace, in Regione si torna a parlare di degrado e insicurezza dell’area

Redazione

Ex Fornace, in Regione si torna a parlare di degrado e insicurezza dell’area

Interrogazioni di Guasticchi e Smacchi, risponde Paparelli "Sicurezza competenza statale non regionale" |
Mar, 15/11/2016 - 12:53

Condividi su:


Durante la seduta odierna dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, nella sessione dedicata al question time, i consiglieri regionali del Partito democratico Marco Vinicio Guasticchi e Andrea Smacchi (PD) hanno presentato le rispettive interrogazioni a risposta immediata alla Giunta di Palazzo Donini, relative all’area della Ex
Fornace di Umbertide e alle azioni da attuare “per il ripristino di condizioni di vivibilità e sicurezza e per superare degrado e abbandono“.

Guasticchi ha evidenziato “la deregulation di un’area abbandonata nel centro di Umbertide. Abbiamo letto stamattina sul giornale che l’onorevole Giulietti ha dato notizia della vendita del complesso per 10milioni di euro. Mentre l’attuale sindaco della città dice che l’operazione non è conclusa. Possiamo a questo punto solo chiedere chiarezza su quanto avvenuto nei giorni scorsi. Il nuovo proprietario avrà tutto il vantaggio di bonificare il comparto e ristrutturare le abitazioni. Rimane la preoccupazione di recuperare l’area in questione e di controllare in come sarà messa in sicurezza nel periodo di transizione”.

Per Andrea Smacchisiamo di fronte ad una situazione kafkiana, con un rappresentante delle istituzioni che brucia la notizia ad un sindaco. Siamo in presenza di una situazione seria di degrado. È necessario portare il tema Ex Fornace in Commissione, chiamando il sindaco di Umbertide e l’assessore Paparelli per capire bene come stanno le cose. E comprendere certe esternazioni del sindaco. Non vorremo trovarci di nuovo davanti a situazioni come il palazzo degli specchi a Ferrara o la palazzina di Civitanova occupata da anni. Un sincero ringraziamento alle forze dell’ordine per le operazioni compiute nella ex Fornace”.

L’assessore Fabio Paparelli ha risposto agli atti ispettivi spiegando “di trovarsi in imbarazzo di fronte a questa interrogazione, da cui emerge la presenza di sottogruppi nello stesso gruppo consiliare. L’ordine pubblico è di competenza esclusiva dello Stato e non della Regione o degli enti locali. Solo la sicurezza urbana, attraverso coesione sociale e partecipazione civile, rientrano nelle competenze regionali. Porterò in Commissione quanto concordato in precedenza sui criteri dell’avviso e sul monitoraggio di quanto è stato fatto in questi mesi. Daremo priorità all’installazione di impianti di videosorveglianza, in particolare nelle zone produttive, attive o abbandonate. In merito alla ex Fornace, il Comune di Umbertide potrà intervenire con la polizia locale e per il ripristino della sicurezza. E su questo noi potremo fare pressione. Mi pare improbabile insediare una caserma dei Carabinieri all’interno dell’area. Mi pare una provocazione positiva che potrò portare solo ad un confronto con il Comune, la Prefettura e le Forze dell’ordine”.

Guasticchi ha replicato chiedendo “una sensibilizzazione per un problema reale. Io vivo ad Umbertide e al di là delle speculazioni politiche, la popolazione ha bisogno di essere rassicurata anche in relazione alla nuova moschea, che sta nascendo a 500 metri di distanza dalla ex Fornace. La Regione non può restare in disparte. L’idea di trasferire la caserma è stata già affrontata in passato e la Regione potrebbe intervenire con la Provincia, proprietaria dell’immobile che ospita ora la caserma dei Carabinieri, per favorire il trasferimento nella ex Fornace”.

Smacchi ha valutato “offensiva l’introduzione dell’assessore Paparelli circa i ‘sottogruppi’ all’interno del gruppo del Partito democratico”, stigmatizzando quanto dichiarato dal vicepresidente della Giunta.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!