Ex Fat, Cresce fronte di opposizione / Si unisce Italia Nostra - Tuttoggi

Ex Fat, Cresce fronte di opposizione / Si unisce Italia Nostra

Davide Baccarini

Ex Fat, Cresce fronte di opposizione / Si unisce Italia Nostra

Incontro tra l'Associazione e il Comitato Prato Mattonata, "sospensione lavori scelta più saggia"
Ven, 21/11/2014 - 10:30

Condividi su:


Cresce sempre di più il fronte di opposizione all’intervento di riqualificazione dell’area ex Fat nell’ambito del Contratto di Quartiere. A sostegno di questa “resistenza pacifica”, nei giorni precedenti, al Comune era arrivata la lettera del Fai Regionale che, sentiti i propri organi tecnici nazionali, aveva espresso “disapprovazione per il progetto” e chiesto una sua rimodulazione secondo la direttiva del Ministero.

La stessa Commissione assetto del territorio aveva sospeso il giudizio e rimesso il suo parere ad un intervento chiarificatore certificato dalle autorità locali o regionali, che attestasse l’applicabilità al caso specifico.

A completare lo schieramento di dissenso al progetto si è aggiunta ufficialmente anche la sezione locale di Italia Nostra, Associazione per la salvaguardia e la conservazione dell’ambiente e del territorio. I rappresentanti di quest’ultima, infatti, e il sempre presente Comitato Prato Mattonata, si sono incontrati per approfondire le posizioni comunemente condivise e valutare la situazione, convenendo unanimemente che la sospensione dei lavori sia attualmente la cosa più saggia da fare, per una molteplicità di motivi: valutazione delle direttive di snellimento procedurale impartite dal Ministero; sostanziale paralisi dei lavori; dubbi crescenti sulla fattibilità economica dell’intero progetto; aumento del fronte del dissenso; tensioni politiche crescenti.

Il Comitato e Italia Nostra, in una nota congiunta,  dichiarano: “Il rischio che, una volta tolti i veli dalle incognite gravanti sull’intera operazione progettuale e gli alibi per dimostrare l’ineluttabilità delle scelte compiute, l’operazione si riveli diseconomica per la proprietà e impattante per la città, farebbe precipitare la situazione e la renderebbe difficile da dipanare”.

“Allo stato dei fatti – continua la nota – nulla,in realtà, è compromesso e tutto è ancora possibile nonostante si affermi il contrario. Non è interesse di nessuno portare la cose a un punto di rottura; ma per questo è necessario che la politica svolga fino in fondo il suo ruolo al servizio della comunità, faccia un passo indietro rendendosi disponibile, assieme alla proprietà, a rimettersi gioco,per cercare un’uscita di sicurezza favorevole a tutti”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!