"Essere gay è una brutta malattia": condannato prof spoletino - Tuttoggi

“Essere gay è una brutta malattia”: condannato prof spoletino

Redazione

“Essere gay è una brutta malattia”: condannato prof spoletino

Ven, 08/10/2021 - 09:52

Condividi su:


Ha commesso un “abuso dei poteri e in violazione dei doveri inerenti la pubblica funzione esercitata, approfittando di circostanze di persona tali da ostacolare la pubblica e privata difesa, in particolare dell’evidente inferiorità psichica della vittima, in ragione della minore età, sia del ruolo di insegnante” il prof cinquantenne, originario di Spoleto ma all’epoca dei fatti insegnante in un professionale di Assisi, è stato condannato a nove mesi (pena sospesa) e al risarcimento di 1.500 euro.

L’uomo sarebbe colpevole non solo di insulti omofobi nei confronti di un alunno quattordicenne, ma anche di averlo colpito con due calci e due pugni. Una vicenda accaduta sette anni fa, che aveva causato prese di posizione anche a livello nazionale e una visita anche dell’allora sottosegretario al Miur. All’epoca il prof era stato sospeso e trasferito. Sette anni dopo, la condanna – sospesa – e il pagamento di una provvisionale di 1500 euro.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!