La Sir cade a Trento (3-0) e cede la testa della classifica

La Sir cade a Trento (3-0) e cede la testa della classifica

Padroni di casa irresistibili alla Blm Group Arena, ma il terzo set mostra che Perugia non è inferiore | L’imperativo: rialzarsi subito e battere la Lube


share

In questo momento la Itas Trentino Trento è più in forma della Sir Safety Conad Perugia. Questo il verdetto dell Blm Group Arena di Trento, dove i padroni di casa hanno battuto i campioni d’Italia 3-0, conquistando momentaneamente la testa della classifica di Superlega. Ma il 3-0 (25-23, 25-19, 35-33) è un punteggio troppo pesante per i Block Devils.

Primo tempo bellissimo, con le due squadre che rispondono colpo su colpo, trascinate da Russel e Leon. Il servizio out di Lanza consegna ai padroni di casa il primo set 25-23.

Nel secondo et Perugia parte fortissimo, grazie anche alle giocate di Atanasijevic, ma un’invasione a rete sull’11 pari segna il sorpasso di Trento, che chiude il set addirittura col punteggio di 25-19.

La terza frazione torna ad essere bellissima e combattutissima, con il muro di Podrascanin che consegna il primo set point ai Block Devils. Perugia ne ha altri tre, senza riuscire a chiudere il set che si prolunga tra errori in battuta sino al match point inventato dal solito Russell, annullato dal primo tempo di Ricci. Giocata dopo giocata, errore dopo errore si arriva sino al 33-33, con Leon che spara una fucilata all’incrocio delle righe. Ma la pipe di Kovacevic e una bomba di Vettori consegnano a Trento il terzo set e la vittoria.

Il big match conferma che in questo momento Trento ha trovato il suo equilibrio, mentre Perugia mostra le grandi potenzialità dei suoi campioni, ma non riesce a dare continuità al proprio gioco, come è avvenuto nell’ultima parte di questa stagione. C’è tempo, per mister Bernardi, per rivedere le cose che non vanno a far tornare ad essere i Block Devils una squadra stellare. A cominciare dal prossimo incontro contro la Lube Macerata.

I Block Devils escono per ora sconfitti ma a testa alta, incitati dai fantastici 108 Sirmaniaci fatti entrare a Trento.


Sirmaniaci, la carica dei 108


 

share

Commenti

Stampa