Errori cartelle Tari, il Comune: stiamo ancora verificando

Errori cartelle Tari, il Comune: stiamo ancora verificando

Torgiano, in Consiglio il sindaco prende tempo | L’opposizione: riconteggio subito


share

Quanti e quali torgianesi non hanno pagato le cartelle Tari per il servizio rifiuti? Vi faremo sapere, con calma, appena tutto sarà verificato.

Questa, in sintesi, la risposta che nell’ultima seduta del Consiglio comunale il sindaco Eridano Liberti ha dato ai due consiglieri Marzio Vaccari e Michele Ciuchicchi, che con un’interrogazione avevano sollevato il problema. Secondo quanto appreso dai due esponenti dell’opposizione, infatti, pare che un numero alto di contribuenti torgianesi (si stima tra gli 800 ed i 900) abbia pagato meno del dovuto per il servizio Tari o non sia addirittura iscritto agli elenchi. E questo per gli ultimi tre anni. Con il risultato – visto che il costo totale del servizio deve essere ripartito tra tutti i contribuenti – che la maggior parte dei torgianesi, per contro, in questi tre anni ha sborsato più del dovuto.

Torgiano, errori nelle cartelle Tari: chiesto il riconteggio

Per questo Vaccari e Ciuchicchi hanno chiesto al sindaco il numero delle posizioni irregolari ed il nome di ciascun contribuente che finora non ha versato il dovuto. Oltre, naturalmente, a provvedere a restituire a tutti gli altri contribuenti la differenza di quanto ingiustamente versato, sulla base del corretto riconteggio.

Il sindaco, in questa fase, si è limitato a spiegare il funzionamento del servizio, comunicando all’Assemblea che gli uffici stanno effettuando verifiche, ma che al momento il Comune non è in grado di dire quante sono le posizioni irregolari né tantomeno i nominativi. Questo però, per l’opposizione, è sembrato entrare in contraddizione con una lettera degli uffici – alla quale il sindaco esplicitamente ha fatto riferimento – che indicava in 900 circa il numero dei cittadini non censiti ai fini del tributo. Il sindaco Liberti replica spiegando che nella lettera in cui un dipendente comunale segnalava il problema si faceva riferimento ad un numero così alto di contribuenti, da verificare appunto, ma senza indicare nomi. Nessuna contraddizione, quindi, né tanto meno volontà di coprire un possibile errore. Solo i tempi tecnici di accertare le effettive posizioni, assicura il sindaco.

Da quando Vaccari e Ciuchicchi hanno sollevato il caso alcuni nomi stanno circolando a Torgiano, anche di personaggi molto noti. E l’unico modo per tacitare eventuali illazioni e soprattutto per ripristinare la legalità è quello di accertare la posizione di ciascun contribuente. Cosa che non dovrebbe risultare particolarmente complessa, considerando il numero esiguo di abitanti e la disponibilità delle banche dati informatizzate.

Qualora venisse accertato un numero così elevato di irregolarità, in assenza di un valido motivo tecnico in grado di giustificare errori che si sarebbero perpetrati per tre anni, l’opposizione è pronta a chiedere politicamente il conto all’ex assessore Silvana Trinari, che in questa consiliatura ha assunto la carica di presidente del Consiglio comunale.

Ma, sentendo i commenti a fine consiglio, non si escludono ulteriori azioni ad altri livelli….

share

Commenti

Stampa