Droga, Martellini, Pd: "sindaco si attivi subito per arginare fenomeno dipendenza tra adolescenti" - Tuttoggi

Droga, Martellini, Pd: “sindaco si attivi subito per arginare fenomeno dipendenza tra adolescenti”

Redazione

Droga, Martellini, Pd: “sindaco si attivi subito per arginare fenomeno dipendenza tra adolescenti”

Sab, 19/11/2011 - 08:51

Condividi su:


Droga, Martellini, Pd: “sindaco si attivi subito per arginare fenomeno dipendenza tra adolescenti”

E’ di nuovo allarme. La denuncia questa volta arriva direttamente dai responsabili delle varie comunità presenti sul territorio, in particolare dal centro Don Guerrino Rota di Spoleto, che afferma:“Si cresce abituati all’alcol spinti dalle mode. Stesso discorso vale per le droghe”. A sostenere con sempre maggiore determinazione tale tesi è anche il Vice Presidente del Consiglio Comunale Paolo Martellini, che ribadisce così, il suo impegno su questo fronte, sollecitando nuovamente il Sindaco Benedetti, ad attivarsi al più presto, chiedendogli sin da subito l’attivazione del divieto della somministrazione e della vendita di alcolici in tutti i pubblici esercizi ai minori di 16 anni, come aveva chiesto lo stesso Martellini in un ordine del giorno approvato circa due anni fa, all’unanimità. Concorde con le comunità terapeutiche del Ceis, che denunciano una mancanza di responsabilità, il Vice Presidente del Consiglio Comunale, insiste sul fatto che servono interventi seri, azioni vere ed efficaci, come ben evidenziato nella sua ultima mozione, nella quale ha chiesto l’istituzione presso il Comune di una “task force” costituita da rappresentanti delle istituzioni scolastiche e da associazioni di genitori, affiancati da operatori sanitari della Asl3 e da operatori delle forze dell’ordine, nonché da personale di associazioni che operano nel settore, per definire gli interventi di contrasto e di prevenzione dell’uso di sostanze alcoliche e stupefacenti da parte degli adolescenti. E’ necessario ed urgente – spiega Paolo Martellini – l’avvio di campagne divulgative sui danni provocati dalle suddette sostanze già a partire dalle scuole elementari, fino ad arrivare alle scuole secondarie superiori, che purtroppo sono quelle maggiormente interessate”.

Aggiungi un commento