Diritto alla casa, presentati ad Umbertide due bandi della Regione - Tuttoggi

Diritto alla casa, presentati ad Umbertide due bandi della Regione

Redazione

Diritto alla casa, presentati ad Umbertide due bandi della Regione

Ater Umbria acquista immobili per l’edilizia sociale. Le misure scadono il 14 novembre/Incentivi fino a 9.300 euro a proprietari che bloccano sfratti
Ven, 31/10/2014 - 19:54

Condividi su:


Dal mese di luglio, sono circa 150 le richieste avanzate al Comune di Umbertide per l’ottenimento di una casa popolare. Un numero di domande significativo per un territorio che conta poco meno di 17mila abitanti e che difficilmente l’amministrazione comunale potrà soddisfare in pieno. A sostegno, almeno parziale, arrivano però due bandi emanati dalla Regione Umbria che l’assessore regionale alle politiche abitative Stefano Vinti e il presidente di Ater Umbria Alessandro Almadori hanno presentato nel centro alto tiberino, venerdì 21 ottobre, alla presenza di Marco Locchi e Paolo Leonardi, rispettivamente sindaco e assessore al commercio del Comune di Umbertide. Si tratta di due misure in scadenza il 14 novembre volte a far fronte al problema degli sfratti per ‘morosità incolpevole’ e a incrementare rapidamente il numero di alloggi da destinare all’edilizia residenziale sociale. “Nel primo caso – ha affermato Vinti – andiamo incontro all’inquilino colpito da sfratto perché non più in grado di rispettare l’impegno assunto con il proprietario di casa. Per una morosità, cioè, di cui non è direttamente colpevole perché vittima di una mancanza repentina e significativa di reddito causata, per esempio, dalla perdita del posto di lavoro, dalla messa in cassa integrazione o mobilità o dalla chiusura dell’attività commerciale di cui è titolare. Abbiamo messo a disposizione un fondo di 1 milione e 384mila euro per incentivi ai proprietari che blocchino lo sfratto, stipulando un nuovo contratto a canone concordato, più adeguato alle nuove condizioni reddituali dell’inquilino. In tale modo la persona o la famiglia morosa non perde la casa e non va a ingrossare il numero di persone costrette a rivolgersi alle istituzioni per un alloggio dove vivere, il proprietario recupera in maniera significativa la morosità e può proseguire nel rapporto d’affitto”. Ogni proprietario potrà ottenere fino a un massimo di 9.300 euro. Importo che andrà a coprire il 50 per cento della morosità pregressa, fino ad un massimo di 5mila euro, e il recupero delle spese legali, fino a un massimo di mille euro. A questi si vanno ad aggiungere 200 euro al mese come contributo sull’affitto, per i primi 15 mesi, e 300 euro una tantum per un canone di locazione inferiore al valore medio stabilito (canone concordato) per l’area omogenea in cui è ubicato l’alloggio.

“Con l’altro bando – ha spiegato Almadori – la Regione mette a disposizione dell’Ater circa 5,5 milioni di euro per l’acquisto di immobili da reperire nel libero mercato, da società o persone fisiche”. Gli edifici dovranno essere ubicati nelle dodici città umbre a più alta densità abitativa, essere agibili, liberi per almeno l’80 per cento e costituiti da almeno quattro alloggi. La base d’asta d’acquisto sarà di 1.300 euro a metro quadrato. Un punteggio per la graduatoria sarà attribuito al posizionamento, alla qualità architettonica e urbanistica, cioè sarà premiata la vicinanza a servizi di base quali asili, scuole e trasporti. “L’obiettivo è duplice – ha commentato Almadori –. Da un lato mettere rapidamente a disposizione dei Comuni appartamenti da destinare alle persone in graduatoria per l’assegnazione di abitazioni a canone sociale. Dall’altro dare una risposta alla crisi dell’edilizia, contenendo il grande patrimonio di edifici e alloggi vuoti”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!