Dalla Banca Mondiale e dalla Fao a Perugia per parlare di cambiamenti climatici - Tuttoggi

Dalla Banca Mondiale e dalla Fao a Perugia per parlare di cambiamenti climatici

Redazione

Dalla Banca Mondiale e dalla Fao a Perugia per parlare di cambiamenti climatici

Mar, 28/02/2012 - 09:29

Condividi su:


“Cambiamento climatico, carbon sequestration e conservation agriculture” è il tema dell’incontro, alla Facoltà di Agraria di Perugia, organizzato in collaborazione fra la Sezione di Agronomia e la Alumni di Economia e Estimo – Agraria Perugia, associazione che conta una sessantina di iscritti distribuiti in 16 Paesi e attivi sia nel settore privato (società di mezzi tecnici, grande distribuzione alimentare, società di consulenza), che in quello pubblico (enti locali, ministeri, Unione Europea) e nelle associazioni di agricoltori.

Il convegno, in programma mercoledì 29 febbraio, alle ore 15, nell’Aula 3 della Facoltà di Agraria, in Borgo XX Giugno a Perugia, vedrà gli interventi di Maurizio Guadagni (Banca Mondiale) e Sandra Corsi (FAO), che si confronteranno con i professori Marcello Guiducci (Agronomia) e Fabio Maria Santucci (Economia agraria).

Tema dell’Incontro è il cambiamento climatico, una realtà sotto gli occhi di tutti, ma é nelle aree più marginali, difficili e povere dei Paesi in via di sviluppo che si manifesta nelle sue forme più estreme, con desertificazione, degrado dei suoli, deforestazione, erosione, e quindi la povertà diventa insopportabile e muove decine di milioni di persone, che lasciano le proprio zone per trovare rifugio, anche se precario, in altre zone e in città.

“La Banca Mondiale e la FAO sono impegnate, con varie iniziative, a promuovere forme di agricoltura ed allevamenti sempre più rispettose dei fragili equilibri naturali, che quindi conservino le risorse naturali (suolo, acqua, biodiversità) e garantiscano livelli alimentari adeguati e un certo reddito”, scrive l'Ateneo, spiegando le ragioni dell'incontro. “Nella sua forma più 'naturale'. l'agricoltura (incluse ovviamente le foreste) contribuisce a immagazzinare biossido di carbonio ed a ridurre l'effetto serra, per cui si ipotizza anche di retribuire gli agricoltori, direttamente o indirettamente, che pratichino modelli produttivi utili all'ambiente.

Maurizio Guadagni si é laureato in Agraria a Perugia con una tesi su “Progetti di riforestazione nei PVS”. Ha svolto il servizio civile in Zambia, nell'ambito di un progetto italiano di supporto a popolazioni angolane in fuga dalla guerra civile. E' poi entrato come junior expert alla Banca Mondiale, con sede a Washington. Per alcuni anni ha seguito progetti di sviluppo rurale in America Latina. Nel 2004 si é trasferito in Kazakistan, da dove si é occupato di agricoltura e sviluppo rurale nei paesi dell'Asia Centrale. Dal 2010 ha preso un periodo di sabbatico, durante il quale – fra l'altro – ha insegnato Economia dello Sviluppo Sostenibile all'Università di Ankara. Dal prossimo mese di Aprile riprenderà servizio a Washington, come esperto senior di sviluppo rurale presso la Banca Mondiale.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!