Crisi Spoleto, Lega “serrate i ranghi”, Fd’I deciderà lunedì - Tuttoggi

Crisi Spoleto, Lega “serrate i ranghi”, Fd’I deciderà lunedì

Redazione

Crisi Spoleto, Lega “serrate i ranghi”, Fd’I deciderà lunedì

Dom, 27/09/2020 - 07:37

Condividi su:


Crisi Spoleto, Lega “serrate i ranghi”, Fd’I deciderà lunedì

Lega pronta a confermare la fiducia a De Augustinis "Serrate i ranghi". Fd'I deciderà lunedì. Sindaco e Zucchelli al lavoro nel week end

Serrate i ranghi: la Lega è pronta a confermare la fiducia alla Giunta De Augustinis se verrà risolta positivamente la mozione sui tributi.

Potrebbe rientrare già in queste ore la crisi che da ormai qualche settimana pesa sul governo della città del festival, ad un passo dal dover fare le valigie.

Ancora 48 ore, lunedì la verità

Sabato mattina si è tenuto il vertice dei leghisti spoletini alla presenza del segretario regionale, l’onorevole Virginio Caparvi che, al termine del confronto in cui sono emersi vari distinguo, ha deciso che la crisi deve rientrare visto che la Giunta sembra disposta ad accettare la mozione votata dall’intero consiglio comunale sulla pratica dei tributi.

Di posizioni ufficiali neanche a parlarne: nessuna nota stampa, cellulari spenti o che suonano a vuoto, nessuno disposto a parlare. Neanche il Commissario cittadino, Riccardo Fedeli, forse troppo giovane per portare un simile macigno sulle spalle.

Alla riunione non c’era il senatore Stefano Lucidi che lunedì scorso aveva incontrato l’assessore Flavoni per comprendere meglio la situazione delle scuole ed in particolare quella di Beroide, su cui in queste ore è arrivata la durissima presa di posizione della minoranza che accusa il sindaco e la giunta di non saper mantenere le promesse.

Il diktat della Lega “serrate i ranghi”

Solo un esponente dei filogovernativi parla a Tuttoggi ma a patto che non venga svelata la sua identità. “Per noi la crisi è rientrata” annuncia non senza un briciolo di soddisfazione “il segretario ha deciso e quindi anche l’ala più critica deve rientrare nei ranghi. La Giunta d’altra parte sta lavorando sodo per venire incontro alle richieste avanzate dal Consiglio sul tema delle tasse e vedrete che per lunedì mattina (giorno in cui è stata convocata l’assise cittadina, n.d.r.) si troverà un buon compromesso”.

E sugli altri dossier come scuole, sport, industria e ricostruzione? “che la situazione non sia facile è evidente, ma adesso dobbiamo pensare al bilancio e poi dare nuovo impulso all’azione amministrativa”.

Fd’I convocata per lunedì

Certo per l’assessore al bilancio Zucchelli queste settimane non sono state facili, nel ricercare una soluzione che potesse accontentare le richieste di partiti, liste civiche e associazioni di categoria. Anche in queste ore, a quanto è dato sapere, l’ex magistrato è al lavoro per stilare un nuovo regolamento sui tributi che presenterà lunedì mattina ai consiglieri di Fratelli d’Italia, rimasti finora fermi sul punto. E non solo per la pratica tributi.

Per il momento il partito della Meloni potrebbe essere disponibile anche ad ingoiare il rospo(purché i punti richiesti nella mozione “tributi” vengano accolti per intero), approvare il bilancio e dare un’ultima chance al governo locale chiamata a risolvere velocemente tutte le altre vicende rimaste in sospeso a cominciare dal dramma del lavoro.

Tornando alla votazione attesa per lunedì pomeriggio, c’è da capire se ci sono ancora i tempi per arrivare in assemblea con una proposta concreta e legislativamente corretta.

I numeri in aula

Chiaro che se De Augustinis e Zucchelli riusciranno a centrare l’obiettivo che viene loro richiesto da giugno, maggioranza e minoranza voteranno all’unisono l’attesa riforma dei tributi.

Se così però non fosse, bisognerà accendere i riflettori sui singoli banchi.

La Lega da sola può bastare a sorreggere la governance purché in compagnia di tutti i consiglieri di Laboratorio (dove non è più chiara la posizione di Montesi) e di Forza Italia (con la consigliera Marina Morelli sempre più distante dal filogovernativo Ugolini).

Anche senza Fd’I, la maggioranza raggiungerebbe quota 13, minimo indispensabile per far proseguire il governo.

Fari accesi però anche tra i banchi dell’opposizione, dove la posizione della Bececco (Spoleto Popolare) negli ultimi giorni si è fatta più morbida nei confronti di De Augustinis & Co.

Merito, dicono i bene informati, della diplomazia ma anche dei manicaretti dell’ex senatrice Ada Urbani, la potente assessora alla cultura, di cui la Bececco sarebbe stata recentemente ospite* nella residenza di Scheggino, che per la Giunta spoletina è divenuta un po’ come la Palazzina dell’Algardi a Villa Pamphili per il Governo Conte.

*Nella mattinata di domenica – 27 settembre – arriva la precisazione della consigliera Bececco che afferma “di non essere stata a cena dalla assessora Urbani e lamenta di non vedere pubblicati i propri comunicati stampa”.

Prendiamo atto per quanto riguarda la cena, non risponde invece a verità l’attenzione riservata alla consigliera: tutte le sue note sono state generalmente riportate nelle nostre colonne. Fa di certo eccezione l’ultima ricevuta in redazione, nella quale la stessa ha scritto un clamoroso errore sull’esito finale della Commissione Bilancio, che non siamo tenuti a pubblicare. Come pure, facendo riferimento ad altra recente doglianza di Bececco, non siamo tenuti a riportare gli interventi di tutti i consiglieri del Consiglio comunale di Spoleto (incluso il sindaco).

Vorremmo sottolineare, in senso generale, che il giornale non è bacheca istituzionale, ma assolve a funzione di lettura e critica degli accadimenti del tutto diversi.

© Riproduzione riservata [Articolo aggiornato alle 12:13 del 27 settembre]
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!