CRAC AIAZZONE: FEDERMOBILI PRONTA A SOCCORRERE I CLIENTI UMBRI TRUFFATI NELLO STABILIMENTO DI CORCIANO - Tuttoggi

CRAC AIAZZONE: FEDERMOBILI PRONTA A SOCCORRERE I CLIENTI UMBRI TRUFFATI NELLO STABILIMENTO DI CORCIANO

Redazione

CRAC AIAZZONE: FEDERMOBILI PRONTA A SOCCORRERE I CLIENTI UMBRI TRUFFATI NELLO STABILIMENTO DI CORCIANO

Mer, 30/03/2011 - 18:17

Condividi su:


CRAC AIAZZONE: FEDERMOBILI PRONTA A SOCCORRERE I CLIENTI UMBRI TRUFFATI NELLO STABILIMENTO DI CORCIANO

(Fda) La Federmobili, ramo della Confcommercio, della provincia di Perugia, ha annunciato oggi “un aiuto concreto ai consumatori umbri che sono rimasti vittime del crack del Gruppo Aiazzone, da qualche mese presente con un proprio punto vendita nella zona industriale di Corciano e i cui vertici sono stati arrestati per bancarotta, riciclaggio, evasione fiscale”, mentre l'associazione di consumatori Adoc ha detto di stare valutando la costituzione a parte civile rappresentare gli acquirenti in sede processuale.

“Il nostro sindacato mette a disposizione la sua struttura, tramite i propri associati, dei clienti che hanno acquistato mobili dal Gruppo Aiazzone che stanno pagando senza averli mai ricevuti e si impegna a praticare loro un trattamento di favore, sia in termini di sconti, sia nella disponibilità a trovare forme di finanziamento che non gravino ulteriormente su una situazione già difficile, di cui sono state vittime inconsapevoli ed incolpevoli”, ha detto il presidente Federamobili Marco Pittola.

Secondo l'associazione di categoria, che ha preso largamente le distanze dalla vicenda del gruppo Aiazzone, i consumatori interessati ad utilizzare l’iniziativa possono contattare la segreteria dell’associazione, presso la Confcommercio della provincia di Perugia.

Sul piano legale, intanto, l'Adoc ha detto di stare valutando l'ipotesi di costituirsi parte civile contro il gruppo. L'associazione dei consumatori ha intanto invitato tutte le persone interessate a “interrompere immediatamente i pagamenti della rate alla società finanziaria e ad inviare una lettera di diffida alla società, e per conoscenza all’Adoc, affinché interrompano la riscossione delle rate stesse, a causa del mancato adempimento del contratto”.

Il gruppo Aiazzone è fallito nelle settimane scorse, lasciando numerosi clienti, umbri e del resto d'Italia, senza i mobili già pagati, o di fronte a delle rate da pagare a delle finanziarie, per dei mobili che non arriveranno mai.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!