Coronavirus, vescovo "Consacrare la città al Cuore Immacolato di Maria" - Tuttoggi

Coronavirus, vescovo “Consacrare la città al Cuore Immacolato di Maria”

Redazione

Coronavirus, vescovo “Consacrare la città al Cuore Immacolato di Maria”

"Nei momenti di crisi i figli e i fratelli, spinti dal timore e dalla fiducia, si rivolgono prevalentemente alla madre per avere consigli, incoraggiamenti e proposte sagge"
Mer, 18/03/2020 - 11:59

Condividi su:


Coronavirus, vescovo “Consacrare la città al Cuore Immacolato di Maria”

“Fiduciosi e umili, seguendo la scia dei nostri padri, rinnoveremo l’atto di affidamento e di consacrazione al Cuore Immacolato di Maria della città di Terni e della Diocesi e si invitano sacerdoti, diaconi, religiosi e religiose, fedeli laici, autorità e istituzioni pubbliche e quanti lo desiderano ad unirsi spiritualmente alla celebrazione eucaristica e alla preghiera di affidamento, e ogni famiglia ad accendere una candela e partecipare comunitariamente e con devozione a questa preghiera per la Città e per il popolo”. E’ l’invito del vescovo Giuseppe Piemontese che, giovedì 19 marzo, festa di san Giuseppe e giornata dedicata dai vescovi alla preghiera per l’Italia, alle ore 10.00, nella cattedrale di Santa Maria Assunta, presso l’altare della Madonna della Misericordia, compatrona di Terni e della Diocesi, celebrerà la messa a porte chiuse, senza la presenza dei fedeli. Al termine, il vescovo e il sindaco di Terni, Leonardo Latini, pronunzieranno la preghiera, rinnovando solennemente l’affidamento della città di Terni e dell’intera Diocesi di Terni-Narni-Amelia al Cuore Immacolato di Maria.

La celebrazione sarà trasmessa in diretta alle ore 10.00 dall’emittente televisiva Teleterni (canale 15 del digitale terrestre), sul canale Youtube della Diocesi e sulla pagina Facebook Diocesi di Terni-Narni-Amelia.

Le parole del vescovo

“In questi giorni di crescente allarme a causa del diffondersi dell’epidemia e delle conseguenze mortali del Coronavirus spiega il vescovo Piemontesealcuni fedeli laici e alcuni sacerdoti mi hanno chiesto di consacrare la città al Cuore Immacolato di Maria. Io stesso, riflettendo sul valore della nostra vita e su tanta superficialità presente nelle relazioni umane, stavo pensando a ciò nel desiderio di ravvivare la vicinanza col Signore, di rinnovare la comune consapevolezza di chi siamo, rafforzare la volontà di convertirci al Signore in questo tempo quaresimale e di riscoprire la preziosità delle nostre fragili esistenze. Creati da Dio e rigenerati in Gesù dall’acqua e dallo Spirito nel battesimo, cogliamo l’occasione per approfondire in noi i sentimenti dei figli, che sanno di avere Dio come Padre, Gesù come fratello e Maria di Nazareth come Madre, alla quale torniamo ad affidarci in un momento di prova per la fede e di preoccupazione per la sorte di tanti uomini e donne delle nostre comunità e del genere umano.

Nei momenti di crisi i figli e i fratelli, spinti dal timore e dalla fiducia, si rivolgono prevalentemente alla madre per avere consigli, incoraggiamenti e proposte sagge.

Maria non è Madre dei cristiani solo di nome; il nostro rapporto con Lei è reale, affettuoso e vitale.Ecco perché nel corso dell’esistenza, specialmente nei momenti critici, oggi, in questo flagello del Coronavirus ci rivolgiamo e ci affidiamo a Lei per avere conforto, grazie, ispirazioni e forza a sostegno della fede e a difesa della salute fisica e spirituale del popolo. Già nel passato la nostra Diocesi si è affidata e consacrata solennemente a Maria; ricordo le date più recenti: il vescovo Felice Bonomini, Il 30 maggio 1943, consacrò solennemente la diocesi di Terni al Cuore Immacolato della Madre di Dio; papa Pio XII, Il 25 luglio 1952, accogliendo i voti espressi a nome dei Ternani dal vescovo G.B. Dal Prà, dichiara la Madonna della Misericordia Patrona Principale, insieme a san Valentino, della Diocesi di Terni; papa San Giovanni Paolo II, Il 19 marzo 1981, parlando nella Cattedrale di Terni, ricorda la venerazione dei Ternani per Maria Madre della Misericordia e ne invoca il patrocinio; il vescovo Santo Quadri, il 30 maggio 1982, assieme a sacerdoti religiosi e laici, rinnova la consacrazione delle Diocesi di Terni Narni e Amelia al Cuore Immacolato di Maria”.    

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!