CORDOGLIO DELLA SEZIONE ANPI DI BEVAGNA PER LA SCOMPARSA DELL'EX PARTIGIANO MARIO BONFIGLI - Tuttoggi

CORDOGLIO DELLA SEZIONE ANPI DI BEVAGNA PER LA SCOMPARSA DELL'EX PARTIGIANO MARIO BONFIGLI

Redazione

CORDOGLIO DELLA SEZIONE ANPI DI BEVAGNA PER LA SCOMPARSA DELL'EX PARTIGIANO MARIO BONFIGLI

Mer, 13/04/2011 - 11:32

Condividi su:


CORDOGLIO DELLA SEZIONE ANPI DI BEVAGNA PER LA SCOMPARSA DELL'EX PARTIGIANO MARIO BONFIGLI

La sezione Anpi di Bevagna ha manifestato il proprio cordoglio per Mario Bonfigli, recentemente venuto a mancare all’affetto dei suoi cari. Mario Bonfigli, ex partigiano e comandante della brigata “San Faustino-Proletaria d’urto”, è stato per diversi anni presidente del comitato provinciale dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia. Nel 2009 ha lasciato la presidenza del comitato provinciale per assumere la presidenza regionale onoraria del sodalizio.
I soci dell’Anpi di Bevagna si sono uniti nel dolore agli iscritti che lo hanno conosciuto, apprezzandone le grandi doti morali, umane e organizzative. La “San Faustino-Proletaria d’urto” fu una formazione partigiana operante in Alta Umbria fra il settembre del 1943 e il luglio del 1944. L’area operativa venne organizzata nel quadrilatero compreso tra Città di Castello, Umbertide, Gubbio e Apecchio, con al centro il comune di Pietralunga. La brigata arrivò a coinvolgere, nel periodo di massima attività, circa 350 partigiani di estrazione contadina e operaia, organizzati nei gruppi “Montebello”, “Cairocchi”, “Morena”, “Capanne”, “San Benedetto” e il gruppo Gap di Gubbio. L’attività militare, con il sostegno di Mario Bonfigli, fu intensa in tutto il territorio. Nella seconda metà di aprile del 1944 la brigata riuscì a costituire una zona liberata autonoma con al centro il comune di Pietralunga. A luglio del 1994 aiutò le forze alleate nell’avanzata e fornì uomini per il mantenimento dell’ordine pubblico. I soci dell’Anpi di Bevagna conservano di Mario Bonfigli un significativo ricordo per la sua partecipazione all’assemblea costitutiva della sezione avvenuta il 2 giugno 2007.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Verisone più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!