"Consiglio comunale morto", Umbertide Cambia critica tempi e modalità dell'assemblea - Tuttoggi

“Consiglio comunale morto”, Umbertide Cambia critica tempi e modalità dell’assemblea

Redazione

“Consiglio comunale morto”, Umbertide Cambia critica tempi e modalità dell’assemblea

Il movimento civico accusa "La massima assemblea della città non solo non si riunisce più almeno una volta al mese ma si finisce a discutere di questioni impellenti mesi dopo i fatti"
Gio, 03/08/2017 - 09:55

Condividi su:


Il movimento civico Umbertide Cambia accende una nuova polemica, stavolta tutta interna al Municipio. Ora nel mirino dei consiglieri Claudio Faloci, Stefano Conti e Luigino Orazi è infatti finito il Consiglio comunale.

La massima assemblea della città non solo non si riunisce più costantemente e tempestivamente, almeno una volta al mese, ma si finisce a discutere di questioni impellenti mesi dopo i fatti, ormai modificati o a decisioni prese. Insomma si parla della neve ad agosto! Le opposizioni non riescono più ad esercitare il proprio mandato

I consiglieri di Umbertide cambia si dicono insomma profondamente arrabbiati” per tempi, modi e stile in cui vengono convocati i lavori del Consiglio, “il cui regolamento, nonostante gli impegni assunti, non vuole essere cambiato da una maggioranza ed un Sindaco che minimizzano la dialettica democratica”.

Se non vi fossero le richieste di convocazione delle opposizioni ci vedremmo due volte l’anno, ma anche queste, con un’interpretazione abnorme del Regolamento, vengono dilazionate fino ai termini massimi

Come sostiene il capogruppo Falocisiamo oramai alla palude della politica, che rivela mancanza di idee e confronto della maggioranza, incapace persino di darsi un’agenda delle priorità e di portare in discussione le questioni più attuali e importanti per la comunità. Calzolaro docet: chissà quando riusciremo a discutere i documenti e le proposte presentate”. Umbertide cambia conclude il proprio appello al confronto democratico ricordando come anche la richiesta delle opposizioni di avere uno spazio informativo e comunicativo nel portale istituzionale del Comune – “una cosa scontata per i gruppi consiliari” – sia stata negata. “Stiamo preparando a questo proposito – informano i consiglieri – un quesito al Prefetto”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!