Confcommercio Spoleto, il presidente Tattini chiede risposte urgenti sui lavori di Via dei Duchi

Confcommercio Spoleto, il presidente Tattini chiede risposte urgenti sui lavori di Via dei Duchi

share

E’ grande la preoccupazione e l’esasperazione degli operatori economici di Via dei Duchi, di cui si fa interprete il presidente della Confcommercio di Spoleto Andrea Tattini: il ritrovamento del muro in opera poligonale probabilmente risalente al IV-III secolo a C. avvenuto lo scorso 2 ottobre, in occasione dei lavori di rifacimento dei sottoservizi e stradali, ha infatti provocato l’interruzione della realizzazione delle opere pubbliche. “Ancora oggi –  denuncia Tattini – la zona è isolata, percorribile soltanto a piedi attraverso una pedana provvisoria e i lavori sono ancora sospesi. La  viabilità  bloccata e le difficoltà legate agli interventi da effettuare  hanno trasformato una delle aree più importanti del centro storico della nostra città in una specie di cantiere permanente”. 

Le conseguenze per le imprese dell’area sono drammatiche: “Gli operatori economici di Via Dei Duchi, ma anche tutti quelli dislocati nelle zone adiacenti – sottolinea Tattini – si vedono costretti a chiudere le proprie attività commerciali o a trasferirle in altre zone della città.  A questo punto vogliamo risposte  immediate e  certe: vogliamo conoscere, entro una settimana, i tempi necessari per portare a compimento i lavori pubblici, vogliamo sapere come l’Amministrazione comunale intende salvaguardare la scoperta archeologica  ma nel contempo anche il tessuto economico coinvolto. Occorre stabilire  immediatamente un programma preciso di azioni, che coinvolgano anche gli enti preposti alla tutela storico-archeologico-architettonica, per la risoluzione, in tempi brevi  e certi, della situazione venutasi a creare, ormai  divenuta insostenibile sia per i commercianti che per i residenti.  Bisogna fare presto, le attività commerciali  rimaste  non riescono più a sopravvivere ed il tessuto economico della zona  via via va scomparendo. Già da anni assistiamo ad un inesorabile  isolamento del centro storico, ad una moria continua di attività commerciali che non consente un’effettiva rivitalizzazione dell’area. Le imprese che  già sopportano la grave crisi economica, la continua riduzione dei consumi, non possono essere penalizzate anche dal blocco della  viabilità e da  un’ inadeguata fruibilità del territorio: noi  abbiamo a cuore le testimonianze della nostra storia, che rappresentano un patrimonio da valorizzare e di cui tutti beneficiano, ma  la tutela del nostro passato  non può significare la morte del nostro presente e del nostro futuro, come accade oggi per tante imprese”.

 

share

Commenti

Stampa