Condanna di Coletto per razzismo, Briziarelli: il Pd non dia lezioni sulla sanità - Tuttoggi

Condanna di Coletto per razzismo, Briziarelli: il Pd non dia lezioni sulla sanità

Redazione

Condanna di Coletto per razzismo, Briziarelli: il Pd non dia lezioni sulla sanità

Il senatore della Lega: "Un volantino di 20 anni fa, dov'era Bori quando il Pd distruggeva l'Umbria?"
Lun, 02/12/2019 - 16:39

Condividi su:


Dopo la levata di scudi dei consiglieri regionali della Lega, a difendere l’assessore alla Sanità e al Sociale Luca Coletto è il senatore Luca Briziarelli. A chiedere la testa del neo assessore erano stati il capogruppo del Pd, Tommaso Bori, e il commissario regionale dem Walter Verini, ricordando come Coletto abbia ricevuto una condanna penale (passata in giudicato nel 2009) per frasi razziste e discriminatorie contenute in un volantino promosso nel 2001 dalla Lega in Veneto per una raccolta firme finalizzate a far sgombrare un campo rom a Verona.


Regione, atto primo: il gioco delle parti fila liscio… come l’acqua


Che il Pd pretenda di dare lezioni agli altri su come governare l’Umbria – attacca Briziarelli – con tutto quello che ha combinato in questi anni, dall’ambiente ai trasporti passando per l’economia è grave, ma che lo faccia in materia di sanità è addirittura offensivo nei confronti dei cittadini e degli operatori onesti che nonostante tutto tengono in piedi la nostra sanità”.


“Coletto condannato per razzismo”: il Pd all’attacco


Ma dov’era Tommaso Bori in questi anni – continua il senatore – quando i rappresentati politici ed istituzionali del suo partito, alcuni dei quali ancora in quest’aula, distruggevano la nostra regione senza che lui proferisse parola? Al capogruppo del Pd umbro non è piaciuto quello che ha letto sul nostro programma in materia di sanità, a noi non è piaciuto quello che abbiamo letto sui giornali e, soprattutto, sui verbali della Procura e che probabilmente è solo l’inizio: dai concorsi agli appalti, dalle liste d’attesa alle strutture da rimettere a nuovo, un sistema dell’emergenza urgenza da rivedere, per non parlare dell’organismo delle convenzioni con il sistema sanitario“.

Stendo un velo pietoso sui dati relativi alla povertà, al disagio giovanile – prosegue Briziarelli – e sull’incapacità persino di liquidare nei tempi i 5 milioni di euro del fondo regionale della non autosufficienza atteso da migliaia di famiglie. Di fronte a tutto questo – conclude il senatore umbro del Carroccio – Bori non ha trovato nulla di meglio da fare che attaccare in maniera strumentale l’assessore Coletto per un’iniziativa politica vecchia di quasi 20 anni (una raccolta firme contro i campi rom) che
nulla ha a che fare con il suo operato di assessore e di sottosegretario alla Sanità per il quale è stato unanimemente apprezzato. Non permetteremo a nessuno – conclude Briziarelli – di distrarre l’opinione pubblica dalle proprio gravi responsabilità, nascondendosi dietro alla sacrosanta difesa dei diritti e della democrazia che ha in questa maggioranza i primi sostenitori”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!