Città di Castello, aggrediscono 46enne con schiaffi e pugni in pieno centro, poi fuggono: arrestati due giovani - Tuttoggi

Città di Castello, aggrediscono 46enne con schiaffi e pugni in pieno centro, poi fuggono: arrestati due giovani

Redazione

Città di Castello, aggrediscono 46enne con schiaffi e pugni in pieno centro, poi fuggono: arrestati due giovani

Lun, 14/01/2013 - 12:17

Condividi su:


Una banale discussione, legata probabilmente a motivi di viabilità, che ha rischiato di sfociare in tragedia: è accaduto a Città di Castello, durante la serata di sabato scorso. Sul posto i carabinieri tifernati, coordinati dal comandante Alfredo Cangiano, che hanno arrestato i due aggressori.

I fatti – Intorno alle 22.30 circa un uomo di 46 anni, residente a Città di Castello, mentre era alla guida della propria auto in una strada centrale del paese, è stato affiancato da una VW GOLF con a bordo due uomini ed una donna, tutti originari dell’est Europa. Il conducente ha costretto il 46enne a fermarsi e, una volta scesi dall’autovettura, è iniziata un’accesa discussione probabilmente riconducibile a motivi di viabilità. Dalle parole si è improvvisamente passato ai fatti, ed i due giovani stranieri, di 25 e 22 anni, hanno brutalmente aggredito il 46enne con schiaffi e pugni. A nulla sono valsi i tentativi della loro amica di farli desistere. Al culmine dell’aggressione la vittima è caduta in terra sbattendo violentemente il capo sull’asfalto perdendo i sensi. Solo a questo punto, resisi conto della gravità della situazione, gli aggressori si sono dati alla fuga lasciando il poveretto esanime in terra. Fortunatamente all’episodio hanno assistito due persone, una delle quali è riuscita a vedere il numero di targa della GOLF ed a chiamare i soccorsi. Sul posto sono giunte un’ambulanza del 118 ed alcune pattuglie di Carabinieri.
Il ferito è stato trasportato presso il locale pronto soccorso, dove sono state riscontrate alcune fratture al volto e, cosa più preoccupante, una frattura della base cranica. Il 46enne è quindi stato trasferito presso l’Ospedale di Perugia, ove è stato ricoverato con una prognosi di 45 giorni. Fortunatamente non è in pericolo di vita.
Grazie alle testimonianze raccolte i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Città di Castello in breve tempo sono riusciti a rintracciare e bloccare il conducente della GOLF e, all’esito di incessanti indagini, anche il suo complice, entrambi residenti a Città di Castello. Sono stati arrestati con l’accusa di lesioni gravi e tradotti presso il Carcere di Perugia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
Ancora una volta la collaborazione dei cittadini è risultata determinante.

Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!