Cinghiale, "apertura il 1° ottobre" | E sulle modalità di caccia le proposte delle squadre alle Associazioni

Cinghiale, “apertura il 1° ottobre” | E sulle modalità di caccia le proposte delle squadre alle Associazioni

Massimo Sbardella

Cinghiale, “apertura il 1° ottobre” | E sulle modalità di caccia le proposte delle squadre alle Associazioni

Gio, 08/04/2021 - 18:26

Condividi su:


Cinghiale, “apertura il 1° ottobre” | E sulle modalità di caccia le proposte delle squadre alle Associazioni

Il Coordinamento dei cinghialisti propone un percorso in 4 fasi, che sottopone alle associazioni venatorie in vista del Tavolo regionale

Caccia al cinghiale in Umbria dal primo ottobre. Questa la proposta contenuta nella proposta che Federcaccia, Libera Caccia ed Enalcaccia hanno inviato all’assessore Morroni. Nella bozza del nuovo Calendario venatorio, infatti, l’avvio della caccia al cinghiale era stato omesso, viste le polemiche dello scorso anno per la decisione della Regione di modificare la data degli ultimi anni. Con il compromesso che era stato trovato sull’avvio a metà ottobre. Ora le tre associazioni propongono l’inizio della caccia al cinghiale ai primi di ottobre.

Calendario venatorio,
c’è la bozza: date e novità

Proposta che sarà discussa al Tavolo regionale permanente sul cinghiale, in cui la Regione ha chiamato le associazioni agricole, ambientaliste, venatorie e gli Atc.

Cinghiali, proposta di apertura diversificata: a Terni
le associazioni chiedono di posticipare al 1° novembre

Le proposte delle squadre

Intanto, lunedì 12 aprile si terrà un confronto (in videoconferenza) con le associazioni venatorie, organizzato dal Coordinamento delle squadre di caccia al cinghiale umbre, in merito al piano di gestione della specie cinghiale e alla modifica del regolamento regionale 34/99.

Il Coordinamento delle squadre cinghialisti, al fine di dare una risposta seria in materia di contenimento delle popolazioni di cinghiali, nel ribadire la massima disponibilità per discutere ed elaborare un Piano di gestione della specie, avanza delle istanze da proporre alle Associazioni venatorie. “Uniche titolate – ricorda il coordinamento – a rappresentare i nostri interessi al Tavolo tecnico permanente”, convocato dalla Regione Umbria per il 15 aprile con i tre ATC umbri, le associazioni agricole e le associazioni ambientaliste.

Per una caccia al cinghiale sostenibile e risolutiva per le problematiche legate ai danni alle colture, per il il Coordinamento serve un Piano di gestione che abbia come obiettivo quello “di non sovrapporre le diverse forme di caccia al cinghiale, sia nei tempi sia per aree“, al fine di renderle utili per riportare la specie in equilibrio con la conseguente riduzione dei danni.

Il piano di gestione va quindi suddiviso in quattro fasi e deve avere una durata di cinque anni.

Fase A: prevenzione

La fase A riguarda la prevenzione, “perché è impossibile continuare a concepire la gestione dei danni della fauna selvatica solo attraverso il pagamento del risarcibile. Questa tecnica è fallimentare e vessatoria nei confronti degli agricoltori seri e onesti, che dalle loro attività traggono di che vivere. Sarebbe utile da subito monitorare e tenere in equilibrio la specie lupo, che a breve tempo sarà il nuovo problema delle aziende agricole che si occupano di zootecnia“.

Fase B: i tipi di caccia al cinghiale

La fase B riguarda la modifica del R.R. 34/99, obbligatoria per inserire la nuova forma di caccia al cinghiale (quella di selezione) e per disciplinare quelle già esistenti, come le braccate e la cerca non più a singolo ma in girata, visti gli scarsi risultati riportati negli anni, oltre ai danni provocati alla braccata.

Per “girata” si intendono mini squadre – da 3 a 6 cacciatori – in aree ben definite, che devono cacciare con le stesse regole della braccata. Altro aspetto determinante sarà la suddivisione del territorio in quattro macroaree, in ciascuna delle quali verrà destinata una particolare forma di caccia al cinghiale a seconda delle caratteristiche del territorio.

Ciascuna delle forme di caccia non sarà sovrapposta alle altre – spiega il Coordinamento – tranne che per motivi gestionali autorizzati dagli ATC: ogni soggetto potrà essere iscritto, a sua scelta, a una e una sola tipologia“.

Le quattro macro aree saranno quelle vocate, destinate esclusivamente alla caccia in braccata; quelle sub-vocate, destinate a tutte e tre le tipologie di caccia; le aree critiche, nelle quali potrà svolgersi esclusivamente la caccia in girata; le aree non vocate, da destinarsi esclusivamente alla caccia di selezione.

Fase C: regolamento attuativo della caccia di selezione

I cinghialisti chiedono inoltre regole chiare e uniche dal punto di vista sanitario, come anche relativamente alle quote di iscrizione a ciascuno dei tre ATC regionali. Reputano inoltre auspicabile un regolamento attuativo unico per tutti gli ATC anche per la gestione della caccia al cinghiale in braccata, prendendo come riferimento il regolamento interno dell’ATC PG2, così come anche per la selezione, che ha bisogno (fase C) di un regolamento attuativo unico rispetto al Regolamento regionale che ne norma a grandi linee lo svolgimento. Soprattutto, è importante che questa tipologia di caccia sia distribuita, attraverso il calendario venatorio, nell’arco temporale durante il quale non si svolgono altre forme di caccia.

Fase D: la filiera del cinghiale

La fase D, l’ultima, riguarda la creazione di una filiera pubblica che trasformi gli ungulati da problema a risorsa.

La nascita di una filiera – scrive il coordinamento – dovrà essere un’opportunità di economia per le imprese agricole già esistenti e una nuova possibilità per i giovani in cerca di nuove esperienze nel mondo agricolo. Gli animali da destinare alla filiera saranno tutti quelli abbattuti in contenimento in tutto il territorio regionale. I ricavi saranno suddivisi tra gli operatori e l’Ente pubblico“.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!