Caccia al cinghiale, apertura diversificata per provincia

Caccia al cinghiale, apertura diversificata per provincia

Massimo Sbardella

Caccia al cinghiale, apertura diversificata per provincia

Ven, 09/04/2021 - 13:56

Condividi su:


La lettera delle associazioni venatorie ternane: caccia al cinghiale dal 1° novembre, per vocazione migratorista e allineamento con Lazio e Toscana

Caccia al cinghiale, apertura diversificata per provincia. E’ ciò che potrebbe accadere in Umbria, con l’inizio della stagione venatoria per questa specie sfalsato di un mese tra la provincia di Perugia e quella di Terni.

Mentre infatti a livello regionale Federcaccia, Libera Caccia ed Enalcaccia hanno formalmente indicato come 1° ottobre la data per l’avvio della caccia al cinghiale nella prossima stagione, nel ternano le associazioni venatorie chiedono che venga posticipata al 1° novembre.

Una istanza, quella inviata all’assessore Morroni e agli uffici regionali, firmata dai responsabili provinciali delle associazioni: Anuu migratoristi Ottavio Angelici Ottavio, Cpa Paolo Pazienza, Arcicaccia Giampiero Amici, Libera Caccia Sauro Zara, Enelcaccia Gino Fabbri. E da Leonardo Fontanella per l’Atc 3.

Al momento nella bozza del Calendario venatorio elaborata dalla Regione Umbria non viene indicato l’inizio della caccia al cinghiale, visto il dibattito in corso. Che lo stesso anno si risolse con una mediazione a metà ottobre.

La lettera dei cacciatori ternani

Nella lettera, dopo aver analizzato le diverse esigenze delle due province, si chiede per il Ternano che la caccia al cinghiale venga posticipata  al 1° novembre fino al 31 gennaio, prevedendo battute di contenimento a partire già dal 26 settembre al 1 novembre tutte le domeniche.

Una richiesta che era già stata avanzata in Consulta venatoria. Una scelta legata alla vocazione migratorista della provincia di Terni. Cosa che determinerebbe la difficoltà ad ottobre di reperire cacciatori per partecipare alla braccata. Oltre al fatto che l’apertura a ottobre della caccia al cinghiale creerebbe problemi per i numerosi appostamenti fissi (colombaccio e tordi).

E soprattutto, la provincia di Terni confine per larghi tratti con le regioni Lazio e Toscana: chiudendo anticipatamente la caccia al cinghiale, si rischierebbe una migrazione di cinghiali verso questa parte dell’Umbria, con danni alle coltivazioni e rischi per la sicurezza stradale.

Per questo, anziché rischiare un braccio di ferro tra i due territori, da Terni arriva la proposta di un’apertura diversificata per la caccia al cinghiale.

La prossima settimana doppio vertice

Tema che potrà essere affrontato anche nella riunione convocata per lunedì dal Coordinamento delle squadre cinghialiste umbre, che ha presentato una proposta in quattro punti per risolvere il problema dei cinghiali. E soprattutto nel Tavolo regionale convocato per il 15 aprile.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!