Chiusa dopo 377 anni causa Covid, riapre oggi la "ruota" del Monastero - Tuttoggi

Chiusa dopo 377 anni causa Covid, riapre oggi la “ruota” del Monastero

Davide Baccarini

Chiusa dopo 377 anni causa Covid, riapre oggi la “ruota” del Monastero

Sab, 09/01/2021 - 15:37

Condividi su:


Chiusa dopo 377 anni causa Covid, riapre oggi la “ruota” del Monastero

Dopo la chiusura temporanea causa Covid, oggi, la storica “ruota” del Monastero di Santa Veronica Giuliani a Città di Castello – unica “finestra” con il mondo esterno delle suore di clausura – riapre i battenti, seppur attraverso necessari e inevitabili accorgimenti di carattere tecnico.

Ruota chiusa dopo quasi 4 secoli

Durante la chiusura per il Coronavirus anche il monastero ha seguito le norme restrittive per custodire la salute delle persone e, dopo 377 anni, per la prima volta nella sua storia, la ruota è stata chiusa con un pannello provvisorio – precisa Angelica Lombardo (nella foto con la ruota “chiusa”), presidente dell’Associazione “Le Rose di Gerico” e stretta collaboratrice del monastero – Essa infatti, pur non facendo incontrare i volti, crea una vicinanza che può facilitare eventuali contagi”.

Il “rimedio” delle clarisse

La pandemia determinata dal Covid-19, infatti, ha reso pericoloso l’ascolto attraverso la ruota dato che, per amplificare la voce, è necessario avvicinarsi molto con la bocca alla parte mobile, che una volta girata, potrebbe portare il virus all’interno del monastero. Così, per ovviare a questo rischio, le Cappuccine hanno realizzato uno sportello con grata in ferro e plexigas sulla porta in legno di via XI settembre (vedi foto sotto). In questo modo possono continuare a incontrare chi bussa al monastero e anche vederlo in faccia in tutta sicurezza. Se poi c’è bisogno di ricevere un oggetto o donare qualcosa lo fanno (togliendo temporaneamente il plexiglas) grazie all’uso di una calamita.

La ruota riapre

Oggi (sabato 9 gennaio) la ruota viene riaperta, anche se solo per il passaggio di oggetti, ma finalmente torna ad essere quello che è stata da secoli, segno e porta di speranza.

La “ruota” delle Cappuccine, punto di incontro e appuntamento per la città, è entrata nell’esperienza quotidiana di tanti tifernati e nell’immaginario fantastico di generazioni di bambini che si avvicinavano incuriositi per sentire la voce misteriosa che affiorava al di là del muro. Un momento sempre atteso dai più piccoli, soprattutto la domenica mattina, è da sempre la richiesta dei ritagli della preparazione delle ostie che, dopo un giro della ruota, appaiono davanti ai loro occhi dentro una bustina di carta bianca.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!