Chiacchiere a 25 metri di altezza, minorenni sorpresi sul tetto degli ex Molini - Tuttoggi

Chiacchiere a 25 metri di altezza, minorenni sorpresi sul tetto degli ex Molini

Davide Baccarini

Chiacchiere a 25 metri di altezza, minorenni sorpresi sul tetto degli ex Molini

Sab, 11/09/2021 - 10:13

Condividi su:


La proprietà dell'edificio abbandonato ha chiamato i carabinieri e sporto denuncia, 5 i ragazzi portati in caserma insieme alle loro famiglie | Non è la prima volta che succede

Cinque minorenni sul tetto degli ex Molini Brighigna – ad oltre 25 metri di altezza – che conversano tranquilli sul cornicione con le gambe a penzoloni. E’ successo nel pomeriggio di ieri (9 settembre), a Città di Castello, ma la questione non è affatto nuova.

Quest’ultima pericolosa “avventura” riporta prepotentemente alla luce il degrado e la pericolosità dell’imponente struttura abbandonata in via Antonio Labriola, la cui attività produttiva è cessata ormai dal lontano 1993. Da decenni, infatti – nonostante l’intera area sia recintata e tappezzata con cartelli di avvertimento – qui avvengono incursioni di “intrusi” giovanissimi e non, di giorno e di notte, per noia o semplice vandalismo, senza contare che lo stabile è stato spesso usato anche come “albergo improvvisato”, con materassi e resti di bivacchi all’ordine del giorno.

Stavolta questo ulteriore episodio di pura incoscienza giovanile ha infatti convinto la proprietà – ormai estenuata da questi e altri fatti “rischiosi” – a sporgere denuncia. Sul posto ieri sono arrivate due pattuglie dei carabinieri, con i militari che, dopo aver convinto i ragazzi a scendere, hanno chiamato prima i genitori di ciascuno, giunti nei pressi degli ex Molini, e poi condotto tutti in caserma. L’ennesimo caso di violazione di proprietà privata sarà ora affidato ad un giudice.

La stessa proprietà si è detta logorata da simili “improvvisate”, che prima o poi potrebbero davvero finire in disgrazia, con risvolti oltremodo complessi anche per i responsabili stessi della struttura. E’ per questo che al più presto andrebbe trovata una soluzione che dissuada o tenga lontani i giovani dall’avventurarsi all’interno degli ex Molini.

”Nel 2018 abbiamo assistito ad un episodio simile, anche se quella volta i ragazzi riuscirono a fuggire prima dell’arrivo delle forze dell’ordine. – racconta l’attuale padrone degli ex Molini – Molte volte ho paura anche ad entrarvi da solo. Chiudo le porte e le ritrovo sempre aperte, vetri rotti ovunque, segni di infrazioni e tanto altro. La situazione è diventata insostenibile. Qualcuno pensa ci sia lassismo da parte della proprietà ma non è affatto così. Ho passato anni ad andare in Comune una volta al mese per arrivare ad una soluzione ma ancora, purtroppo, non è stata trovata“.

In effetti il caso dell’edificio ex Molini Brighigna, in questi ultimi 28 anni (dalla dismissione ad oggi), è stato affrontato solo di recente con la variante generale al Prg, dove l’area resta “particolarmente attenzionata” dalla parte operativa: fatto sta che ci sono ancora diversi e complicati nodi urbanistici da sciogliere, che sicuramente scoraggiano anche un eventuale investimento privato. Addirittura il destino degli ex Molini potrebbe essere legato a doppio filo a quello della futura Piazza Burri….

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!