"Chi aggredisce forze dell'ordine deve andare in carcere" proposta di legge di Zaffini (Fd'I) - Tuttoggi

“Chi aggredisce forze dell’ordine deve andare in carcere” proposta di legge di Zaffini (Fd’I)

Redazione

“Chi aggredisce forze dell’ordine deve andare in carcere” proposta di legge di Zaffini (Fd’I)

Ddl per innalzare pene dei reati di minaccia, violenza e resistenza a pubblico ufficiale | Il senatore "Lo Stato protegga gli agenti"
Mar, 03/07/2018 - 13:13

Condividi su:


Innalzare fino a un minimo di quattro anni di detenzione le pene per i reati di minaccia, violenza e resistenza a pubblico ufficiale per evitare che le aggressioni subite dalle forze di polizia rimangano sempre impunite“. In un disegno di legge depositato a Palazzo Madama il senatore Franco Zaffini (Fd’I) spiega che le attuali norme prevedono misure alternative al carcere per coloro che vengono condannati a pene inferiori ai 4 anni, perciò “è un dovere per lo Stato farsi carico del compito di proteggere gli agenti affinché possano svolgere al meglio il loro compito di tutela dei cittadini”.

Le aggressioni avvengono mentre le forze dell’ordine svolgono i loro compiti istituzionali – spiega il portavoce umbro di Fratelli d’Italia – Gli episodi che continuano a ripetersi, ultimo soltanto in ordine di tempo è quello avvenuto a Città di Castello dove due agenti di Polizia sono stati aggrediti davanti agli sguardi spaventati dei passanti, denotano indifferenza e arroganza da parte dei malviventi affatto intimiditi dalle divise considerate simboli sui quali poter sfogare frustrazioni e aggressività”.

Aggressione agenti, 47enne ai domiciliari, lei libera | Sindacati Polizia insorgono “Serve taseer”

Secondo Zaffini “del dilagare della violenza contro le divise in strada dovrebbero preoccuparsi per primi i cittadini“, in quanto “le forze dell’ordine rappresentano un indispensabile presidio di legalità e sicurezza sul territorio e il loro ruolo nella prevenzione degli atti violenti non può essere in alcun modo sminuito“.

Il disegno di legge – riferisce Fd’I in una nota – punta a garantire la punibilità e la punizione degli autori di aggressioni a danno di esponenti delle forze dell’ordine, elevando le pene previste dal Codice penale per i reati di minaccia, violenza e resistenza a pubblico ufficiale: ora gli articoli 336 e 337 prevedono un periodo di “reclusione da 6 mesi a 5 anni” mentre il ddl suggerisce di alzarle “da 4 anni a 10 anni prevedendo un’ipotesi aggravata quando l’aggressore utilizza armi.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!