Centro scommesse a Porta Pesa | La protesta di Libera e Borgo Sant'Antonio - Tuttoggi

Centro scommesse a Porta Pesa | La protesta di Libera e Borgo Sant’Antonio

Redazione

Centro scommesse a Porta Pesa | La protesta di Libera e Borgo Sant’Antonio

Il presidio previsto per sabato mattina | "Teniamo l'azzardo lontano dai nostri bambini"
Mer, 14/12/2016 - 11:33

Condividi su:


Non si placano le proteste dei cittadini e degli abitanti del quartiere nei pressi di Porta Pesa a Perugia, dopo la notizia che proprio accanto agli istituti scolastici della zona aprirà un centro scommesse. A rispondere ci pensano in diversi, dopo le interrogazioni presentate a Palazzo dei Priori dai consiglieri del Pd Sarah Bistocchi e Tommaso Bori. Tra tutti, c’è Libera Umbria, l’associazione Borgo Sant’Antonio e la Società di Mutuo Soccorso di Perugia.

Sabato 17 dicembre, alle 11 di mattina, ci sarà un presidio di protesta che, comunica Libera in una sua nota, “abbiamo organizzato insieme all’associazione Borgo Sant’Antonio e alle scuole del quartiere, contro l’ipotesi sciagurata di apertura di un centro per il gioco d’azzardo in zona Porta Pesa, a pochi passi dalla scuola elementare e da altri luoghi sensibili. È molto importante non solo partecipare a questo appuntamento, ma farlo anche in maniera visibile, colorata e originale. Per questo vi chiediamo di preparare cartelli, striscioni e tutto quello che vi viene in mente per rendere l’appuntamento il più incisivo possibile. Come slogan principale abbiamo pensato di usare: “Non azzardatevi”, che poi può essere accompagnato da altre scritte a vostro piacimento (per esempio: ‘Teniamo l’azzardo lontano dai nostri bambini’, ‘Ci piace il gioco, non l’azzardo…)”.

Le associazioni chiedono anche chiarezza: nonostante sia in vigore la Legge Regionale che vieta la presenza di video lottery a meno di 500 metri dalle scuole, la risposta, dopo il caso sollevato in Commissione e Consiglio al Comune di Perugia, è stata che, trattandosi di un centro scommesse, a concedere l’autorizzazione è la Questura, mentre il Comune può intervenire solo dopo l’apertura dello stesso. Sulla vicenda in città c’è comunque molto fermento e molti degli abitanti della zona si dicono “scontenti e indignati per quanto potrebbe accadere se il centro scommesse fosse aperto”. 

©Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!