Castello-Arezzo in bus "Un incubo" | La quotidiana odissea degli studenti tifernati - Tuttoggi

Castello-Arezzo in bus “Un incubo” | La quotidiana odissea degli studenti tifernati

Davide Baccarini

Castello-Arezzo in bus “Un incubo” | La quotidiana odissea degli studenti tifernati

Mer, 10/11/2021 - 12:01

Condividi su:


Un gurppo di genitori ci ha raccontato problemi e disservizi subiti dai propri ragazzi, si va dai biglietti "quasi introvabili" ai bus strapieni (se arrivano) "Viviamo in una città vicino a tutti ma lontana da tutto"

Per qualcuno andare a scuola è un momento di crescita importante, per altri invece, soprattutto per alcuni studenti di Città di Castello, è “un vero e proprio incubo”.

Un gruppo di mamme e papà tifernati, i cui figli si recano quotidianamente ad Arezzo (con mezzi Busitalia) per frequentare un istituto superiore, ha voluto infatti raccontarci questa vera e propria odissea.

“Abbiamo scelto Arezzo perché…”

La scelta della scuola – specificano da subito – è caduta sul capoluogo toscano perché sapevamo ci fosse una rete di mezzi pubblici che avrebbero accompagnato i nostri ragazzi da casa all’istituto in tutta tranquillità, come accade in ogni altra città d’Italia”. Ma a quanto pare quando un adolescente tifernate decide di andare a scuola ad Arezzo accade tutt’altro.

“Biglietti quasi introvabili”

I problemi emergono a partire addirittura dai biglietti, “quasi introvabili” nel Comune di Città di Castello e reperibili solo a San Giustino, Lama o Sansepolcro. “Meglio non ricordare proprio la situazione dell’anno scorso sotto lockdown, quando non si poteva viaggiare tra Comuni…” puntualizzano i genitori, che dichiarano di essere costretti a comprare il ticket singolo piuttosto che “pagare un abbonamento da 630 euro e non ricevere il servizio“.

L’obliterazione…a penna

Biglietto che, spesso, “per una ragione oscura non può essere obliterato nel pullman, con l’utente costretto a scrivere a penna il suo ingresso nel ticket una volta salito a bordo.

“Incognita” bus

Ma passiamo al “viaggio”: per arrivare a destinazione, ovvero o casa o a scuola, i ragazzi devono infatti scendere a Le Ville (frazione del Comune di Monterchi (Ar) e aspettare la coincidenza. Il bus che arriva, il più delle volte, è spesso pieno, con i ragazzi costretti a viaggiare in piedi. “Alla faccia del distanziamento e delle regole anti contagio Covid, oltre al rispetto della sicurezza stradale” aggiungono i genitori.

Un’eventualità che è comunque un lusso rispetto a quando il pullman, a volte, non passa proprio, con il gruppo di pendolari minorenni che rimane letteralmente appiedato. “E’ così che mamma o papà si devono armare di santa pazienza, liberarsi e chiedere ore di permessi per trasportare i figli a scuola o riprenderli”. In questo caso si capisce ancora meglio la preferenza del biglietto singolo in cofronto all’abbonamento…

“Studenti presi a male parole”

Senza contare – sottolineano – che spesso i nostri ragazzi sono trattati a male parole da alcuni autisti, che dovrebbero prendersi a carico questi minorenni, che hanno una sola colpa: quella di aver scelto la scuola che può formarli per raggiungere i loro sogni.

Purtroppo – concludono gli sconsolati parenti degli studenti – viviamo in una città vicino a tutti e lontana da tutto: la vera ricchezza di un paese non sta nelle macchine che uno possiede ma dai mezzi di comunicazione che ha e noi non li abbiamo”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!