Capodanno, "no" a bevande in vetro e lattine | Vietati i botti in centro storico - Tuttoggi

Capodanno, “no” a bevande in vetro e lattine | Vietati i botti in centro storico

Redazione

Capodanno, “no” a bevande in vetro e lattine | Vietati i botti in centro storico

Il sindaco Stirati ha emesso un'ordinanza "per tutelare persone e animali", sanzioni fino a 500 euro per i trasgressori
Sab, 29/12/2018 - 13:04

Condividi su:


Sulla base della circolare del luglio 2018 del Ministro dell’Interno, relativa agli aspetti di Safety (salvaguardia incolumità delle persone) e Security (sicurezza pubblica), il sindaco di Gubbio Filippo Mario Stirati ha emesso un’apposita ordinanza per Capodanno, relativa al divieto di somministrazione e vendita di alcolici e altre bevande, per asporto, in vetro e in contenitori metallici nonché al divieto di botti e fuochi pirotecnici all’interno del centro storico.

Al fine di tutelare la pubblica incolumità, per salvaguardare il decoro dell’ambiente e del patrimonio urbano, e considerato che nel corso della serata di San Silvestro, gli spazi pubblici sono più frequentati sia dagli eugubini che dai turisti, il primo divieto è rivolto in particolare ai titolari di pubblici esercizi, di distributori automatici nonché ai venditori ambulanti, operanti in centro storico, delimitato dalle mura urbiche e da Largo di Porta Marmorea, e va in vigore dalle ore 18 del 31 dicembre alle ore 8 del 1 gennaio 2019. La violazione dell’ordinanza comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria di 450 euro.

Con l’obiettivo di tutelare la quiete delle persone e degli animali, il patrimonio pubblico e privato e l’incolumità di tutti, viene inoltre vietato di far esplodere dalle ore 14 del 31 dicembre fino alle ore 8 del 1 gennaio 2019, fuochi artificiali, petardi, botti, razzi e simili artifizi pirotecnici all’interno del centro storico di Gubbio e comunque nei luoghi stretti e chiusi con presenza di persone e di animali. Gli stessi possono essere comunque esplosi in altri luoghi, dove non espressamente vietato dall’ordinanza, e comunque a debita distanza da persone fragili e da animali, evitando le zone affollate per la presenza di eventi o per altri motivi. Per chi contravviene alla disposizione, è prevista una multa da 25 a 500 euro.

Il provvedimento, immediatamente esecutivo e reso noto mediante pubblicazione all’Albo Pretorio on line del Comune, viene trasmesso alla Questura di Perugia, al Comando Compagnia Carabinieri Gubbio, al Comando Tenenza Guardia di Finanza di Gubbio ed al Comando Polizia Municipale, con il compito di farlo osservare, secondo quanto stabilito dalle competenze di legge.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!