Burri, numeri da record per il Centenario "lungo", "Città di Castello capitale arte contemporanea" - Tuttoggi

Burri, numeri da record per il Centenario “lungo”, “Città di Castello capitale arte contemporanea”

Davide Baccarini

Burri, numeri da record per il Centenario “lungo”, “Città di Castello capitale arte contemporanea”

Quasi 29mila presenze anche nel 2016, oltre 30 di stranieri | Il prossimo 12 marzo si inaugura il terzo museo della Grafica
Ven, 13/01/2017 - 14:18

Condividi su:


Tanta soddisfazione e grande orgoglio per i risultati raggiunti dagli eventi del Centenario di Alberto Burri. A fare un bilancio dell’anno “lungo” (iniziato nel 2015) dedicato al maestro tifernate, questa mattina a Palazzo Albizzini, sono stati il presidente della Fondazione Burri Bruno Corà, insieme al sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta.

fondazione-palazzo-albizziniCorà ha esordito ricordando tutti i numeri del biennio “artistico”, in cui oltre 60mila persone hanno visitato i musei e le mostre dedicate all’artista. Scendendo nel dettaglio, nel 2015 i visitatori sono stati 32.059, di cui 13mila a Palazzo Albizzini e 15mila agli Ex Seccatoi del Tabacco. A questi vanno aggiunte le 3mila presenze alla mostra “Au rendez-vous des amis” a Palazzo Vitelli a Sant’Egidio.

Nel 2016, nonostante la chiusura degli Ex Seccatoi del Tabacco da gennaio a settembre per lavori di ampliamento, 21.392 persone hanno visitato la mostra conclusiva del Centenario, “Burri: Lo Spazio di Materia / Tra Europa e Usa”, conclusasi pochi giorni fa. Inoltre, con i 4347 ingressi a Palazzo Albizzini e quelli alla collezione degli Ex Seccatoi, l’anno appena concluso, in totale, ha fatto registrare 28.904 visitatori.

Numeri che hanno superato ogni aspettativa e che hanno fatto sì che le promesse fatte venissero mantenute. – ha dichiarato il presidente della Fondazione – Ma oltre a questi importanti dati il dato rilevante è che Burri è stato reso celebre anche all’uomo della strada, ora appartiene al mondo. La sua fama è infatti cresciuta in maniera esponenziale nell’immaginario collettivo. Ora il 12 marzo prossimo, anniversario della nascita del maestro, inaugureremo il terzo museo della Grafica. Il miglior modo per sancire il successo questo straordinario biennio”.

Per numero di opere (oltre 500 compreso il prossimo museo della Grafica), metri quadri, fama e fruizione pubblica quello dedicato a Burri è indiscutibilmente il più grande museo del mondo di un artista privato

img_1452-13-01-17-12-58Il sindaco Luciano Bacchetta ha voluto prima di tutto lodare il lavoro fatto dalla Fondazione, “che ha finanziato per intero gli eventi per il Centenario. L’amministrazione, che non ha speso un euro, ha avuto solo il merito di credere nel progetto e di saper instaurare ottime relazioni con i promotori delle iniziative. E’ stato un lavoro che ha proiettato Città di Castello nel mondo. Un salto di qualità che ha raggiunto la sua apoteosi con la mostra appena conclusa. E con l’imminente apertura del terzo museo si può tranquillamente dire che Città di Castello ha assunto il ruolo di Capitale dell’arte contemporanea. Fondamentale, per questa evoluzione, – conclude Bacchetta – sarà anche la vicinanza della Regione Umbria

Corà ha poi aggiunto che tra i 200 musei presenti in Umbria, “quelli dedicati a Burri sono i più visitati tra i musei privati, mentre sono al terzo posto tra quelli pubblici, dove il primo posto spetta alla Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia. La fama accresciuta di Burri trova poi conferme anche nelle visite di stranieri, circa il 30% del totale, a cui si aggiungono, e questa è un’altra importante conquista, molti umbri, tifernati e studenti.

Anche il direttore della celebre rivista di arte e architettura “Domus” ha esaltato, nel numero di febbraio, il fenomeno del Centenario di Città di Castello, come uno dei più fulgidi esempi per trainare di nuovo l’Italia in una zona di profusione e attività, coniugando, in questo caso, l’arte, la città, l’ambiente, l’enogastronomia e le risorse del centro storico. Un esempio da cui ripartire per smentire il luogo comune che con la cultura non si faccia economia

Le presenze di quest’anno – ha concluso Corà – non hanno subito flessioni neanche nel periodo del terremoto, dato in controtendenza con altri siti della Regione”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!