Buche, avvallamenti e danni alle auto, “Via Francesco Tifernate è pericolosa”

Buche, avvallamenti e danni alle auto, “Via Francesco Tifernate è pericolosa”

La strada è divisa tra Città di Castello e San Giustino ma il tratto tifernate è devastato | Sassolini (FI) si fa portavoce dei cittadini esasperati e annuncia interrogazione

share

E’ la lunga strada che collega Cerbara (Città di Castello) a Lama (San Giustino). Via Francesco Tifernate è una delle numerose carreggiate devastate dell’Altotevere, dalla quale, giornalmente, arrivano segnalazioni e richieste di intervento a causa di buche, avvallamenti e danni alle auto (cerchioni e gomme distrutte in primis).

Com’è noto, questa è divisa tra i due Comuni sopracitati: il tratto sangiustinese, percorribile serenamente, con un asfalto dignitoso (anche se non impeccabile) e il tratto che rientra nel Comune di Città di Castello, da via Europa alla metà della strada interessata, completamente devastata.

A farsi portavoce dei disagi dei cittadini è il capogruppo di Forza Italia Cesare Sassolini, che presenterà un’interrogazione (la seconda) in Consiglio comunale: “La via è piena di buche e avvallamenti, un continuo sali e scendi vergognoso. Diventa pericolosa quando molti automobilisti, percorrendola, avanzano a zig zag tra le buche, spesso invadendo la corsia opposta. Ma pericolosi sono anche i bordi della strada, che confinano direttamente con il fosso laterale”.

La via è molto trafficata dagli abitanti, soprattutto delle due frazioni di Lama e Cerbara, anche per la presenza del cimitero, verso il quale si recano molti anziani anche con motorini o biciclette. La strada è molto frequentata anche nelle ore notturne essendo presente, oltre il confine con il Comune di San Giustino, una nota discoteca: la notte e l’illuminazione assolutamente assente creano ulteriori e numerosi disagi

Nel 2018, durante la presentazione della prima interrogazione di Sassolini, l’amministrazione comunale di Città di Castello aveva promesso un intervento mai arrivato e, già nel corso dell’estate scorsa, i cittadini si erano mobilitati raccogliendo oltre 100 firme. Oggi quest’ultimi hanno anche annunciato di essere pronti ad una mobilitazione di protesta.

share

Commenti

Stampa