Buche, avvallamenti e danni alle auto, "Via Francesco Tifernate è pericolosa" - Tuttoggi

Buche, avvallamenti e danni alle auto, “Via Francesco Tifernate è pericolosa”

Redazione

Buche, avvallamenti e danni alle auto, “Via Francesco Tifernate è pericolosa”

La strada è divisa tra Città di Castello e San Giustino ma il tratto tifernate è devastato | Sassolini (FI) si fa portavoce dei cittadini esasperati e annuncia interrogazione
Ven, 11/01/2019 - 14:17

Condividi su:


Buche, avvallamenti e danni alle auto, “Via Francesco Tifernate è pericolosa”

E’ la lunga strada che collega Cerbara (Città di Castello) a Lama (San Giustino). Via Francesco Tifernate è una delle numerose carreggiate devastate dell’Altotevere, dalla quale, giornalmente, arrivano segnalazioni e richieste di intervento a causa di buche, avvallamenti e danni alle auto (cerchioni e gomme distrutte in primis).

Com’è noto, questa è divisa tra i due Comuni sopracitati: il tratto sangiustinese, percorribile serenamente, con un asfalto dignitoso (anche se non impeccabile) e il tratto che rientra nel Comune di Città di Castello, da via Europa alla metà della strada interessata, completamente devastata.

A farsi portavoce dei disagi dei cittadini è il capogruppo di Forza Italia Cesare Sassolini, che presenterà un’interrogazione (la seconda) in Consiglio comunale: “La via è piena di buche e avvallamenti, un continuo sali e scendi vergognoso. Diventa pericolosa quando molti automobilisti, percorrendola, avanzano a zig zag tra le buche, spesso invadendo la corsia opposta. Ma pericolosi sono anche i bordi della strada, che confinano direttamente con il fosso laterale”.

La via è molto trafficata dagli abitanti, soprattutto delle due frazioni di Lama e Cerbara, anche per la presenza del cimitero, verso il quale si recano molti anziani anche con motorini o biciclette. La strada è molto frequentata anche nelle ore notturne essendo presente, oltre il confine con il Comune di San Giustino, una nota discoteca: la notte e l’illuminazione assolutamente assente creano ulteriori e numerosi disagi

Nel 2018, durante la presentazione della prima interrogazione di Sassolini, l’amministrazione comunale di Città di Castello aveva promesso un intervento mai arrivato e, già nel corso dell’estate scorsa, i cittadini si erano mobilitati raccogliendo oltre 100 firme. Oggi quest’ultimi hanno anche annunciato di essere pronti ad una mobilitazione di protesta.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!