Botulino, uno degli studenti intossicati trasferito in degenza

Botulino, uno degli studenti intossicati trasferito in degenza

L’altro è sempre ricoverato in Rianimazione


share

Condizioni cliniche in miglioramento. È questo il bollettino medico di uno dei due studenti intossicati da botulino. La direzione sanitaria del S.Maria della Misericordia informa che uno dei due pazienti intossicati dal botulino dopo una cena consumata in casa è stato trasferito dal reparto di Rianimazione presso la struttura di degenza di Malattie Infettive fretta dal professor Franco Baldelli. In una nota dell’ufficio stampa dell’Azienda Ospedaliera di Perugia si sottolinea come le condizioni cliniche di quest’ultimo sono in progressivo e costante miglioramento, con la somministrazione di terapie farmacologiche, in attesa di tornare ad alimentarsi autonomamente dopo l’intervento di tracheotomia cui era stato sottoposto nelle scorse settimane.


Fuorisede a Perugia, conserva “della nonna” al botulino li manda in ospedale


Resta invece ricoverato in Rianimazione, con riserva di prognosi, l’altro studente, che dopo le dimissioni dovrà sottoporsi ad un ciclo di terapie riabilitative, presumibilmente in una struttura di Viterbo.
Il quadro clinico dei due pazienti era emerso in tutta la sua gravità fin dai primi accertamenti diagnostici eseguiti nella stessa notte del loro arrivo in ospedale dal personale della struttura di Microbiologia.

Dopo le lunghe terapie, con monitoraggio dei parametri vitali e il costante confronto con gli esperti del Centro antiveleni di Pavia, i sanitari della Rianimazione hanno accertato nei giorni scorsi che esistevano i presupposti per uno dei due pazienti del trasferimento in una unità di degenza, in attesa delle dimissioni.

share

Commenti

Stampa