Bollo auto storiche, nessuna esenzione per il 2015 - Tuttoggi

Bollo auto storiche, nessuna esenzione per il 2015

Redazione

Bollo auto storiche, nessuna esenzione per il 2015

Chiarezza da parte della Regione Umbria | La risposta nella legge di stabilità
Mer, 10/06/2015 - 20:17

Condividi su:


La Regione Umbria fa chiarezza sul pagamento per il bollo delle auto storiche. La Legge di stabilità 2015 – affermano gli uffici, secondo quanto riferisce un comunicato della Regione – ha soppresso il regime di esenzione da una precedente normativa.
Sono state cancellate le agevolazioni per i veicoli di interesse storico e collezionistico con età dai 20 a 29 anni; dai 30 anni in poi la tassa non e’ dovuta ad esclusione dei veicoli adibiti ad uso professionale. Anche la Regione Umbria ha dovuto quindi recepire le disposizioni introdotte dalla legge di stabilità 2015 stabilendo che, a decorrere dal 1 gennaio 2015,  i veicoli di interesse storico e collezionistico non sono più esenti dal pagamento del bollo.
In marito la Giunta regionale ha fornito attraverso uno  specifico canale web tutte le informazioni utili ai proprietari dei veicoli per assolvere correttamente agli obblighi tributari.
Successivamente l’Assemblea legislativa dell’Umbria, in completa autonomia, ha introdotto una specifica norma per agevolare le auto storiche a decorrere dal 1 gennaio 2016,  attribuendo alla Giunta regionale il compito di disciplinare le modalità di individuazione dei veicoli ultraventennali di interesse storico e collezionistico e le relative procedure per il conseguimento del beneficio.
Per il 2015 non è dunque prevista alcuna agevolazione e quanto riportato in alcuni organi di informazione (in cui si legge che “a fronte di una platea di appassionati che ha pagato rispettando le tariffe introdotte a marzo dalla regione c’è chi ha invece versato solo la quota relativa al bollo agevolato di 25,82 euro”) non corrisponde a quanto disposto dalla legge regionale.
Si sottolinea che tale norma, fino a quando non verrà eventualmente modificata dal Legislatore sulla base delle
osservazioni del Consiglio dei ministri o dichiarata illegittima dalla Corte Costituzionale, rimarrà efficace.
Anche in questi casi sarà cura dell’amministrazione regionale – prosegue il comunicato – informare i cittadini interessati.  La stessa norma, inoltre, ha previsto la possibilità di regolarizzare i pagamenti senza l’applicazione delle sanzioni e degli interessi fino al 31 maggio 2015, così da venire incontro ai contribuenti che non avevano ancora pagato la tassa automobilistica a seguito della soppressione dell’esenzione dovuta alla legge di stabilità 2015.
La nuova disciplina regionale non ha dunque alcun effetto sugli obblighi tributari del 2015, ad esclusione del differimento del termine di pagamento del bollo, e non ha determinato alcun problema per l’importo da versare.
La normativa, secondo gli uffici, ha di fatto evitato sanzioni a quei soggetti che, in attesa di eventuali decisioni del Legislatore regionale, non avevano provveduto al pagamento del bollo entro il termine del 31 gennaio 2015. Il differimento inoltre non è stato oggetto di censura da parte del Governo.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!