Bikesharing Foligno, da una segnalazione di non funzionamento alla garanzia del ripristino ad aprile

Bikesharing Foligno, da una segnalazione di non funzionamento alla garanzia del ripristino ad aprile

share

Terza tappa riguardante la promozione dell’utilizzo della bicicletta a Foligno. Tutto era partito con la divulgazione da parte del Comune e Gal dell’opuscolo “Foligno città da pedalare” (leggi l'articolo). All’interno del libretto, una parte tutta dedicata al servizio di bikesharing chiamato “A ruota libera”, secondo il quale sarebbe possibile prendere a noleggio biciclette di proprietà comunale e muoversi per il centro storico pagando un prezzo irrisorio. La seconda tappa della storia aveva riguardato la verifica delle condizioni di funzionamento di questo semplice, quanto innovativo servizio (leggi l'articolo). Il riscontro era stato decisamente deludente: un totale di tre biciclette presenti, la rastrelliera di Piazza Matteotti rimossa per lasciare spazio ai lavori di ripavimentazione, tutte le macchinette dove inserire la tessera spente.
Il terzo e, per il momento, ultimo passaggio nasce dalla segnalazione di un cittadino che, spinto dall’opuscolo, ha deciso di aderire ad un servizio che al momento non c’è. Come da indicazioni dell’opuscolo, il folignate si è recato allo Sportello del Cittadino dove, in seguito al pagamento della quota minima di ricarica pari a 5€, ha ricevuto una tessera nominale con la quale avrebbe potuto usufruire del noleggio bici. La brutta sorpresa che ha generato la segnalazione di disservizio, l’ha avuta nel momento in cui ha provato a ritirare una delle due bici presenti nella rastrelliera di P.ta Romana. La centralina è, di fatto, spenta. Il cittadino ha seguito l’iter indicatogli al momento della sottoscrizione del contratto, chiamando il numero indicato sulla scheda. Chi risponde a quel numero di cellulare, dice di non occuparsi più del servizio e di fare giardinaggio.
Interpellati dall’avvilito cittadino, abbiamo contattato il responsabile del servizio trasporti e autoparco dell’Area lavori pubblici, Ivo Morici. Questi ci ha rassicurato sullo stato del servizio, solo temporaneamente sospeso. Complici la stagione invernale e i lavori di ripavimentazione che stanno interessando il centro storico e hanno comportato la rimozione della rastrelliera di Piazza Matteotti, il noleggio è stato infatti lasciato in secondo piano. Morici ha tenuto ha rassicurare sul completo ripristino a partire dai primi di aprile con l’arrivo di giornate più calde. Sono state infatti acquistate dal Comune 32 nuove biciclette che saranno disponibili nel giro di tre settimane. Oltre a queste, sarà riposizionata la rastrelliera di Piazza Matteotti, punto cruciale e unico del centro storico in cui depositare le biciclette prese fuori le mura. In sostanza con il completamento dei lavori della piazza, saranno resettate tutte le centraline e riconfigurate in modo che riescano a dialogare tra i vari punti, accettando le tessere magnetiche in dotazione ai cittadini, tra cui lo sventurato segnalatore del disservizio. Inoltre, nelle intenzioni, da valutare in base alla disponibilità di fondi, l’idea di posizionare una nuova rastrelliera nel parcheggio del nuovo ospedale.
L’auspicio quindi è che il servizio, partito manualmente nel lontano 2002 e automatizzato nel 2005 (tra i primi in Italia), torni all’efficienza studiata in origine. Con la speranza di non tornare sulla questione con un quarto capitolo, verificheremo se dal mese di aprile si potrà ricaricare la propria tessera e tornare a pedalare grazie al servizio “A ruota libera”, offerto da comune di Foligno. Nel frattempo la raccomandazione di aggiornare lo Sportello del cittadino, al fine di informare gli interessati sullo stato di temporanea inefficienza.
Fabio Muzzi

 

Articoli correlati:

OPERAZIONE FOLIGNO IN BICICLETTA. PRESENTATO L’OPUSCOLO “CITTÀ DA PEDALARE”

BIKESHARING FOLIGNO: BUONA L'IDEA MA SERVIZIO IN TOTALE ABBANDONO

share

Commenti

Stampa