Barberini visita Centrale operativa non udenti “Iniziativa da promuovere anche fuori regione”

Barberini visita Centrale operativa non udenti “Iniziativa da promuovere anche fuori regione”

L’assessore regionale alla Salute nella struttura con sede a Todi “Progetto molto efficace, quasi unico in Italia”

share

Un progetto molto efficace, quasi unico in Italia, che va sostenuto, potenziato e strutturato nel tempo, per consentire alle persone sorde di abbattere le barriere di comunicazione che incontrano nella quotidianità, di essere più autonome e migliorare la qualità della loro vita”. Così l’assessore regionale alla Salute Luca Barberini, in visita alla Centrale operativa regionale per non udenti con sede a Todi, che gestisce il servizio Comunic@ENS, attivato nel 2017 grazie a un accordo tra Regione Umbria, Usl Umbria 1 e Croce Rossa Italiana – Comitato regionale Umbria.

Si tratta di un’attività innovativa, realizzata attraverso un centralino dotato di nuove tecnologie e di 6 operatori specializzati e formati alla Lis (Lingua dei segni italiana). Il servizio è completamente gratuito ed è attivo dal lunedì al sabato, dalle 8 alle 14. In un anno ha registrato circa 35mila contatti da tutta Italia.

Comunic@ENS è il nome della piattaforma a cui i non udenti possono collegarsi e mettersi in contatto, attraverso gli operatori e una video chat, con i propri familiari, amici o colleghi di lavoro, con i servizi sanitari, Cup, ospedali, uffici pubblici, forze dell’ordine e tanti altri servizi essenziali. La comunicazione è possibile anche attraverso sms, chat e mail.

In Umbria – ha evidenziato Barberinisono circa 1000 le persone non udenti, offrire un servizio del genere è un grande segno di civiltà che consente di dare una risposta significativa a una disabilità silenziosa e non lasciare indietro nessuno. Questo progetto semplifica la vita delle persone sorde e dei loro familiari, promuovendo inclusione sociale. L’obiettivo è aumentarne le opportunità in ambito sanitario, al fine di mettere immediatamente in contatto il non udente con la centrale operativa Comunic@ENS, attraverso il posizionamento di tablet dedicati nei punti di accoglienza e nei pronto soccorso dei principali ospedali umbri”.

L’idea – ha concluso l’assessore – è anche quella di promuovere il progetto oltre i confini regionali, considerando che l’Umbria è tra le prime regioni in Italia ad averlo attivato, proponendone la partecipazione ad altre Regioni vicine per consentire l’ampliamento di un servizio importante e innovativo”.

All’iniziativa sono intervenuti, tra gli altri, il sindaco di Todi Antonino Ruggiano, il presidente regionale della Croce Rossa Italiana Paolo Scura, e il presidente del Consiglio regionale Ente nazionale sordi Luciana Rossetti.

share

Commenti

Stampa