Bandiera dell’Europa strappata dalle sedi comunali di Bastia Umbra: "Simbolo di sofferenza, morte e povertà" - Tuttoggi

Bandiera dell’Europa strappata dalle sedi comunali di Bastia Umbra: “Simbolo di sofferenza, morte e povertà”

Flavia Pagliochini

Bandiera dell’Europa strappata dalle sedi comunali di Bastia Umbra: “Simbolo di sofferenza, morte e povertà”

Protagonista della vicenda è un agricoltore bastiolo che si è autodenunciato ai carabinieri e su Facebook
Lun, 28/05/2018 - 13:57

Condividi su:


Bastia Umbra ha un novello Simone Di Stefano, il segretario nazionale di Casa Pound che nel dicembre 2013 fu punito con tre mesi di reclusione e 100 euro di multa per aver cercato di sostituire la bandiera dell’Unione europea con il tricolore. All’epoca Di Stefano venne accusato di furto, mentre nella notte tra domenica e lunedì, un cittadino bastiolo, che poi si è autodenunciato ai carabinieri e su Facebook, ha strappato le bandiere dell’Europa dalle due sedi comunali, quella di via Colomba Antonietti – dove il vessillo è stato rimpiazzato – e da quella di Piazza Cavour (che, chiusa per lavori post sisma, ancora all’ora di pranzo, a dodici ore dai fatti, vedeva la bandiera europea sventolare a brandelli).

Come da messaggio che gira su Facebook, l’uomo, identificato in un agricoltore bastiolo, ha motivato così il suo gesto: “Certo che tenere issata nelle sedi istituzionali italiane la bandiera dei dittatori europei è uno schifo: io la mia parte l’ho fatta e in Comune a Bastia Umbra l’Europa non è più rappresentata dalla bandiera che ho personalmente strappato e consegnato ai carabinieri di Bastia dove mi sono costituito. Chiedo scusa alla collettività – scrive ancora – per il danno economico arrecato e sono pronto a risarcire, sperando che i soldi siano utilizzati per fare una nuova bandiera italiana e non quel simbolo di sofferenza morte e povertà. Viva l’Italia”.

Anche l’Umbria si aggiunge così alle manifestazioni “pacifiche” – siano esse bandiere tolte o strappate o foto di Mattarella tolte da alcuni uffici comunali – di protesta per il mancato “via libera” del presidente della Repubblica al “governo del cambiamento” formato da Movimento 5 Stelle e Lega Nord. A far discutere il nome del professor Paolo Savona come ministro dell’economia, che – secondo alcuni – Mattarella non avrebbe accettato in quanto potenziale fautore di un’uscita dell’Italia dall’euro.

(Foto generica)

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!