Baiano di Spoleto, festa di Sant'Antonio con l'arcivescovo | Foto - Tuttoggi

Baiano di Spoleto, festa di Sant’Antonio con l’arcivescovo | Foto

Redazione

Baiano di Spoleto, festa di Sant’Antonio con l’arcivescovo | Foto

La festa è stata organizzata dalla Parrocchia, dalla Pro loco, dalla Casa Famiglia OAMI e dall’Associazione opera segno dell’Alta Marroggia
Mer, 23/01/2019 - 18:14

Condividi su:


A Baiano di Spoleto domenica 20 gennaio 2019 si è rinnovata la tradizione con la festa di Sant’Antonio Abate. Intorno alle 9.00 un gruppo di cavalieri è partito per una passeggiata equestre nelle colline intorno Baiano. Alle 11.00 nella chiesa parrocchiale di Maria Bambina c’è stata la celebrazione eucaristica presieduta dall’arcivescovo di Spoleto-Norcia mons. Renato Boccardo e concelebrata dal parroco don Nelson Abraham.

Moltissime le persone presenti, tra cui tanti bambini e giovani famiglie. C’erano anche il vice sindaco di Spoleto Beatrice Montioni, l’assessore alle Risorse umane e ai Rapporti con le Società partecipate Alessandro Cretoni e il consigliere comunale Massimiliano Montesi. La festa è stata organizzata dalla Parrocchia, dalla Pro loco, dalla Casa Famiglia OAMI e dall’Associazione opera segno dell’Alta Marroggia.

Nell’omelia mons. Boccardo ha ricordato, prendendo spunto dal Vangelo delle Nozze di Cana, come «Gesù sia passato tra gli uomini facendo il bene. E noi oggi, ricordando anche la figura di S. Antonio, siamo chiamati a condividere la sua vita partecipando alla Messa domenicale. Dio, infatti, non si impone ma si propone, sta alla porta e bussa: dipende da noi se aprire o meno. È bello che una comunità si ritrovi così numerosa per l’Eucaristia festiva: tra noi che siamo qui stamane c’è grande diversità, ma ciascuno è indispensabile nella famiglia cristiana. La differenza non è una minaccia, come ci viene invece veicolato oggi, ma è una ricchezza». Al termine della Messa l’Arcivescovo ha benedetto nel piazzale della chiesa uno ad uno i numerosi cavalli presenti, così come i cani, i gatti, i criceti. Dopo, è stata avviata la processione fino alla Casa Famiglia per disabili OAMI intitolata proprio a S. Antonio. La mattinata si è conclusa con il tradizionale pranzo di S. Antonio organizzato dalla Pro-loco.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!