ATTACCO A GF10 E REALITY: LA EX DI GEORGE LEONARD FONDA A FOLIGNO “ASSOCIAZIONE VITTIME AGGRESSIONI MEDIATICHE”. APPELLO A POLITICA ED ISTITUZIONI (Commenta la notizia) - Tuttoggi.info

ATTACCO A GF10 E REALITY: LA EX DI GEORGE LEONARD FONDA A FOLIGNO “ASSOCIAZIONE VITTIME AGGRESSIONI MEDIATICHE”. APPELLO A POLITICA ED ISTITUZIONI (Commenta la notizia)

Redazione

ATTACCO A GF10 E REALITY: LA EX DI GEORGE LEONARD FONDA A FOLIGNO “ASSOCIAZIONE VITTIME AGGRESSIONI MEDIATICHE”. APPELLO A POLITICA ED ISTITUZIONI (Commenta la notizia)

Ven, 22/01/2010 - 18:20

Condividi su:


Parte da Foligno l'attacco al Grande Fratello, X edizione. Una azione, clamorosa, in nome dei valori della famiglia e dei diritti individuali che ha deciso di combattere Carla Giommi – l'ormai ex convivente di George Leonard (il “principe” come si è autoproclamato) – che in una nota alla stampa ha reso manifesta l'intenzione di fondare una associazione in favore di tutte le “vittime delle aggressioni mediatiche”. Una battaglia ardua, se si considera l'obiettivo finale e l'avversario (Mediaset, ma non solo la tv del Cavaliere). Ma che, specie in questo momento in cui la politica è tutta presa a convincer l'elettorato in vista delle prossime elezioni, è destinata a catturare la scena. E a coinvolgere la stessa Chiesa e le associazioni per i diritti civili. Per questo si è affidata all'avvocato Giovanni Picuti, lo stesso che la difenderà dinnanzi al Tribunale di Perugia per veder tutelati gli interessi del figlio che la Giommi ha avuto da Leonard (nella foto in home page presa da internet). “Dal giorno alla notte” scrive la donna “ho visto cambiare radicalmente la mia vita per la mancanza di scrupoli del mio ex compagno. Non cerco la compassione di nessuno, consapevole che molte persone si sono trovate peggio di me. Fonderò una associazione, senza scopo di lucro, per impegnarmi nel sociale, a sostegno delle vittime delle aggressioni mediatiche. I contenuti dei palinsesti televisivi e di alcuni organi di comunicazione hanno contribuito ad imbarbarire la società civile”. La Giommi dunque punta il dito sì contro l'ex compagno, ma anche nei confronti di chi non ha tutelato la sua sfera mandando in onda le intemperanze di Leonard. “George ha le sue colpe e per questo ho deciso di chiudere con lui” dice la Giommi “ma altrettanto responsabili devono considerarsi coloro che producono programmi, e quanti ne permettono la diffusione, che calpestano i valori fondamentali della famiglia e degli individui. Farò il possibile perché in questo Paese si affronti, e si risolva una volta per tutte, l’uso indiscriminato e volgare dei mezzi di comunicazione, incuranti delle esigenze altrui, e così facendo travolgono la vita privata, minacciano l’integrità delle famiglie e la serenità dei minori. Auspico che anche politici, istituzioni e le organizzazioni che operano per la tutela dei diritti dei cittadini aprano un dibattito sul problema delle aggressioni mediatiche e sulle loro conseguenze. Ci vuole un esame di coscienza e una moratoria contro le violente incursioni di certe trasmissioni e di certi organi di stampa, che spesso coinvolgono la sfera più intima dei cittadini, al solo fine di accrescere l’interesse da parte del pubblico”. La sfida è lanciata. Non resta che capire se la Giommi, che fin qui ha dimostrato carattere e caparbietà, sarà da sola in questa battaglia. Ce la farà il topolino ad avere la meglio sull'elefante Mediaset (e non solo)?

(Ca. Cer.)


Condividi su:


ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community
necrologi_foligno

L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


    trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Grazie per il tuo interesse.
    A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!