Ast Terni, mai conferiti residui di lavorazione a Nera Montoro - Tuttoggi

Ast Terni, mai conferiti residui di lavorazione a Nera Montoro

Redazione

Ast Terni, mai conferiti residui di lavorazione a Nera Montoro

Ast ribadisce di aver sempre operato nel rispetto della normativa vigente e di aver effettuato i conferimenti di residui di lavorazione solo ed esclusivamente in aree autorizzate e secondo le norme di buona tecnica previste dalla legge.
Gio, 05/02/2015 - 15:14

Condividi su:


Dopo le polemiche sui presunti scarichi di scorie siderurgiche, Ast ha diffuso una nota per chiarire la sua posizione: “In riferimento a quanto apparso su alcuni organi di stampa in merito a presunti smaltimenti di scorie siderurgiche presso il sito di Nera Montoro, si precisa che Acciai Speciali Terni – almeno dal 1994, data di acquisizione dell’acciaieria da parte di ThyssenKrupp – non ha mai conferito residui di lavorazione di alcuna natura presso il sito in oggetto.

Le difficoltà logistiche e operative legate al trasporto di tali materiali di risulta a circa 20 km di distanza avrebbero reso tale operazione tutt’altro che agevole ed economicamente vantaggiosa, rendendo più logico che tali materiali venissero conferiti – come di fatto è sempre avvenuto – in aree limitrofe all’acciaieria, dedicate da tempo allo scopo e via via adeguate ai dettami legislativi e alle norme di buona tecnica vigenti.

Quanto sopra è confermato anche dalla tipologia di inquinanti rilevati a Nera Montoro, stando a quanto riportato dalla stampa. Le sostanze maggiormente presenti, piombo e arsenico, sono del tutto estranei, o presenti solo in quantità trascurabile, nei rifiuti siderurgici derivanti dal ciclo di fabbricazione che si usa a Terni ormai da decenni.

L’analisi di rischio Syndial Gruppo ENI del 2006, citata negli articoli, relativamente alle stratigrafie riporta le diciture “ceneri di pirite” e “scorie di cokerie” che non sono mai stati residui di lavorazione delle Acciaierie di Terni, in quanto le prime sono residui di produzione dell’acido solforico (quindi industria chimica e non siderurgica); e le seconde sono presenti nei moderni impianti siderurgici a ciclo integrale (altoforni) assenti da Terni da secoli, visto che gli unici altoforni della storia dell’acciaieria sono stati installati nel 1873 e smantellati nel 1876 e comunque impiegavano carbone di legna e non coke”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!