Assisi, stroncato il racket dei parcheggiatori abusivi - Tuttoggi

Assisi, stroncato il racket dei parcheggiatori abusivi

Redazione

Assisi, stroncato il racket dei parcheggiatori abusivi

Nella città serafica in mano ai nigeriani il giro delle soste con "obolo"
Mer, 05/07/2017 - 13:44

Condividi su:


Assisi, stroncato il racket dei parcheggiatori abusivi

Lotta ai parcheggiatori abusivi a Assisi. I carabinieri della Compagnia di Assisi hanno effettuato un ‘blitz’ nei parcheggi adiacenti le basiliche Papali di Assisi e Santa Maria degli Angeli, sanzionando in virtù dell’art. 7, comma 15-bis del codice della strada, ben 4 persone e requisendo gli ‘incassi’ illeciti.

Altri sei parcheggiatori abusivi sono stati sanzionati lo scorso fine settimana. I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile e delle Stazioni di Petrignano e Santa Maria degli Angeli, hanno effettuato un servizio di controllo straordinario nelle aree di sosta delle basiliche, al fine di contrastare il fenomeno che vede coinvolti cittadini extracomunitari i quali, in cambio di piccole somme di denaro, indirizzano i cittadini alle aree di sosta presenti nei parcheggi.

I militari, nel corso dei controlli, hanno accompagnato presso gli uffici dell’Arma sei cittadini nigeriani di età compresa tra i 20 e 29 anni sanzionandoli per aver esercitato abusivamente l’attività di “Parcheggiatore” davanti ed all’interno dei parcheggi della basilica Papale di Santa Maria degli Angeli.

Nei confronti dei soggetti, già noti alle forze dell’ordine per i loro precedenti di polizia, anche specifici, oltre alla sanzione amministrativa complessiva di 4.632 euro, è scattato anche il sequestro di quello che avevano guadagnato illecitamente fino a quel momento: un centinaio di euro circa.

Uno degli extracomunitari è anche stato denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Perugia per il reato di “clandestinità” in quanto dagli accertamenti è emerso che l’uomo era privo di documenti ed era clandestino sul territorio dello Stato. Pertanto, è stata avviata la procedura di espulsione.


Condividi su:


Aggiungi un commento