Assisi polemica dopo le indulgenze a pagamento: “L'anima non si compra, Dio la salva gratis”

Assisi polemica dopo le indulgenze a pagamento: “L'anima non si compra, Dio la salva gratis”

share

Sara Minciaroni

“L'anima non si compra, Dio la salva gratis”, non hanno dubbi i frati della Porziuncola di Assisi, si tratta di una truffa, di pessimo gusto peraltro. A dissociarsi dalla notizia sullo sconto per le indulgenze pubblicizzato da un sito russo sono stati gli stessi frati della Porziuncola di Assisi. Già ieri Frate Pasquale aveva spiegato a Tuttoggi.info come “il collegamento con episodi antichi e dolorosi non avrebbe mai permesso a nessuno di lucrare su un tema sacro come quello delle Indulgenze”, e ancora “posto che San Francesco fosse il giullare di Dio, e che quindi la sua figura ben si rappresenta con l'allegria, questo è di certo un gesto che nulla a che vedere con l'ilarità, è stato proprio San Francesco a chiedere che le indulgenze fossero gratuite, e noi saremmo i primi traditori del Santo permettendone un commercio”.

La nota della Porziuncola – “Intendiamo dissociarci apertamente dalla truffa in atto, attualmente solo all'estero e non ancora su territorio nazionale, circa un improbabile “sconto del 50%” fruibile per lucrare l'Indulgenza “della chiesa” con chiari riferimenti all'Indulgenza della Porziuncola”. La nota prosegue, “Desiderando smentire qualunque insinuazione circa la necessità di un pagamento o contributo in tal senso, si ricorda e si ribadisce il carattere di gratuità dell'Indulgenza della Porziuncola. L'Indulgenza è gratuita come la Fonte da cui scaturisce: l'Amore del Padre che attraverso il Figlio ci viene donato nello Spirito Santo. Ed è gratuita come la volle e la chiese Francesco d'Assisi allo stesso Gesù Cristo, che gli apparve con la Madre sua al fianco nella piccola chiesetta della Porziuncola, chiedendone poi conferma al Papa Onorio III a Perugia”.

Come si ottiene l'indulgenza, quella vera – Alla Porziuncola, è possibile lucrare l'Indulgenza plenaria tutti i giorni dell'anno, una volta al giorno, per sé o per un defunto. Queste e le altre condizioni e disposizioni interiori necessarie per lucrare il Perdono di Assisi sono esposte in maniera completa sul sito web ufficiale della Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli in Porziuncola. Sullo stesso sito vi si trovano anche la narrazione dell'origine, un'esposizione della finalità, una raccolta di documenti magisteriali e liturgico inerenti il dono fatto dal Signore a Francesco in prima persona e confermato dalla Chiesa per tutti i pellegrini che durante tutto l'anno attraversano quella che ormai è nota come “la Porta Santa aperta tutto l'anno”.

share

Commenti

Stampa