Assisi, dopo l'addio di Guarducci si attende il nuovo assessore: tutti i nomi in pista - Tuttoggi

Assisi, dopo l’addio di Guarducci si attende il nuovo assessore: tutti i nomi in pista

Flavia Pagliochini

Assisi, dopo l’addio di Guarducci si attende il nuovo assessore: tutti i nomi in pista

Scontro sotterraneo tra Pd e forze civiche: il sindaco deve fare da mediatore
Mar, 27/03/2018 - 12:17

Condividi su:


Non senza qualche problema, la maggioranza che sostiene il sindaco Stefania Proietti (Pd, la civica Assisi Domani e i Socialisti Riformisti, nati dall’incontro tra i Socialisti e i Cristiano Riformisti – movimento politico nato nel 2006, tra i fondatori del Family Day e punto di riferimento di sensibilità e valori culturali vicino alla famiglia) ha aperto lunedì le consultazioni per decidere chi verrà dopo Eugenio Guarducci.  In tutto questo la città – che, anche se solo di riflesso, vive comunque tutta di turismo – poco si cura delle discussioni politiche, e attende il successore di Guarducci, anche solo per sapere come impostare la stagione estiva e quali degli eventi lanciati dall’ex assessore saranno confermati.

Si dovrebbe ad esempio già cominciare a lavorare sulla pubblicizzazione di Universo Assisi (che la prima cittadina ha confermato, anche visto che già si sono svolte un paio di conferenze stampa per annunciare i primi ospiti), ma soprattutto servono idee per riempire la città di turisti, non solo religiosi. Cultura e turismo sono cardini primari, Assisi a Pasqua è comunque una meta immancabile, ma la stagione estiva è alle porte e va pubblicizzata ora.

Sul fronte ‘decisionale’, le consultazioni tra alleati dovranno tenere conto dei desiderata del sindaco (cui non dispiacerebbe un altro tecnico) ma anche delle ‘voglie’ del Partito Democratico e dei Socialisti Riformisti, entrambi doppiamente scontenti all’indomani delle nomine del giugno 2016 (quando in giunta entrò l’ex Pd Claudia Travicelli, eletta con i democratici alle amministrative del 2011, salvo poi lasciare in polemica; alle elezioni del 2016 fu poi candidata nelle fila del sindaco ff Antonio Lunghi, sfidante di Proietti; Travicelli sostenne poi l’attuale sindaco al ballottaggio, venne fatta assessore salvo poi essere costretta a dimettersi un anno dopo) e poi ancora nell’agosto 2017, quando al posto di Travicelli entrò l’altro tecnico della giunta, l’archistar Italo Rota.

Il post Guarducci: tutti i nomi

Ma chi sono i papabili a sostituire Eugenio Guarducci? Il Pd rivendica quella casella per sé (con Federica Lunghi?), ma non direbbe di no a un tecnico con qualche sfumatura di rosso, che sia cioè non un politico a tempo pieno, ma un tecnico ‘organico’ al Pd: si fanno così i nomi del dirigente regionale Luigi Rossetti (ma la moglie, Donatella Casciarri, è presidente del consiglio comunale, in quota Pd), del vicesindaco di Siena, Mauro Balani, di Paolo Mirti (dirigente area cultura, comunicazione e turismo al Comune di Senigallia) e di Maurizio Terzetti, ex dirigente del Settore attività culturali della Provincia di Perugia. Tutti tecnici o comunque esperti del settore, ma anche nomi di area Pd, che potrebbero coniugare i desideri di sindaco e dem. C’è poi l’ipotesi che Proietti si tenga il turismo e ceda ai dem qualche delega pesante (bilancio? Lavori pubblici?).

I civici vogliono un posto in giunta

 Ma ci sono anche le voglie civiche: il progetto di Proietti è partito da Assisi Domani (che in giunta ha il sindaco e l’assessore Cavallucci) e ci sono forze – come i Socialisti, rappresentati in consiglio da Luigi Bastianini, eletto nella lista dei Cristiano Riformisti – che spingono per “riequilibrare” la giunta, in senso politico. Già nel luglio del 2016, all’indomani della nomina di Travicelli (che “scippò” il posto a un esponente della terza lista) al sindaco Proietti, a mezzo stampa, era stata inviata una durissima missiva per denunciare la “scarsa sensibilità politica e istituzionale” per le mancate consultazioni e che dunque si prendeva atto “delle scelte da Lei operate in assoluta e totale autonomia in forme e procedure quantomeno politicamente singolari”. Già all’epoca la lista criticava le tantissime deleghe in capo al sindaco (“Assisi è l’unico Comune in Italia dove, in capo ad una sola persona, nella fattispecie il sindaco, si assegnano numerosissime, pesanti ed impegnative deleghe, di fatto depotenziando la giunta; la prima cittadina si fida dei suoi assessori?”) e si prometteva di “vigilare rigorosamente” sull’attuazione del programma.

I Socialisti-Riformisti (che nei giorni scorsi hanno ricordato l’importanza del progetto civico) sopporteranno un’altra giunta “squilibrata” e soprattutto a possibile trazione Pd? La risposta sembrerebbe di no, se è vero che – in attesa di venire consultati domani – i Socialisti hanno già mandato un messaggio al sindaco: se il nuovo assessore sarà ascrivibile al Pd, allora l’altro tecnico Rota (che secondo la minoranza si sarebbe ‘auto-dimissionato’ a fine 2017, dimissioni però congelate dal sindaco; è un dato di fatto che l’archistar milanese sia apparso a due consigli comunali e a meno di dieci riunioni di giunta in quasi un anno di lavoro) deve lasciare il posto a un assessore in quota Socialisti Riformisti.


Articoli precedenti

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!