Aristoteles al Love Film Festival

Aristoteles al Love Film Festival

Redazione

Aristoteles al Love Film Festival

Lun, 22/03/2021 - 08:44

Condividi su:


L'attore Urs Althaus, celebre in Italia per il film conLino Banfi "L'allenatore nel pallone", ha parlato del libro in cui racconta la sua vita

Il nome di Urs Althaus a molti in Italia non dice nulla. Ma se si dice Arostoteles, ecco che compaiono le imprese del campione brasiliano che con le sue giocate ha regalato la salvezza alla matricola Longobarda allenata da Oronzo Canà, il mister del modulo 5-5-5. L’allenatore nel pallone con Lino Banfi è un film cult per generazioni di italiani. E Urs Althaus ne è stato uno dei protagonisti.

Per questo averlo al Winter Love Film Festival di Perugia, realizzato in sinergia con il Post Museo della scienza e con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, ha rappresentato un’emozione.

Il suo libro, “Io, Aristoteles, il negro svizzero”, è diventato un best seller. Un libro nel quale Urs racconta la sua esperienza di vita dal 1977, anno in cui fu il primo modello nero in una rivista internazionale di modo GQ fino al 2009 anno in cui terminò il romanzo. Da pochi mesi il libro è stato ristampato in Italia da Biblitoheka proprio per la “sua capacità di raccontare temi anche delicati come il razzismo, la droga, la spiritualità sempre con intelligenza e senza mai essere pesante” ribadisce il presidente del Post Francesco Gatti.

“Urs mette a nudo i lati oscuri, mostrando una grande umanità e realizzando un libro autenticamente vero” sottolinea l’assessore alla cultura di Perugia Leonardo Varasano.

“Un libro, presentato non a caso il giorno della festa del papà, che però ha come cuore l’amore per la madre, che ha svolto per l’attore il ruolo di entrambi genitori e a cui Urs dedica il libro” afferma il direttore artistico del Love Film Festival Daniele Corvi, e che ha come “Cuore dell’opera proprio la lettera in cui Urs chiede perdono per i suoi eccessi e la diversità, ottenendolo” mette in risalto Varasano.

Il critico cinematografico Fabio Melelli ha ricordato alcuni aneddoti inediti, come il provino con Sergio Martino, che rimase impressionato dal fatto che Urs avesse giocato veramente a calcio e che il suo più grande rimpianto era quello di avere abbandonato i campi di calcio.

Con L’allenatore nel pallone Urs rivela di aver chiuso un cerchio, perché grazie ai vari Ancellotti, Graziani, Zico, Pruzzo ha vissuto quell’esperienza e quelle emozioni che avrebbe voluto da ragazzo. Urs ha espresso gratitudine in particolare per Lina Wertmuller che è stata a vedere in lui delle potenzialità, prima ancora di lui e fu grazie a lei che si trasferì a Roma iniziando la sua carriera che trovò l’apice al fianco di Sean Connery ne Il nome della rosa. Urs proprio nell’indimenticato James Bond, capì la differenza tra un attore famoso e un grande attore, capace con la sua personalità di riempire la scena.

“Caratteristica della filmografia di Althaus è che contiene film di tantissimi generi commedia, film d’autore, film internazionali, drammatici”, ha evidenziato Melelli, anche per sottolineare la versatilità di Urs che può vantarsi di essere stato un top model, un attore e un icona del mondo del calcio.

Proprio sollecitato dal critico che Urs in chiusura rivela che tornerà in Italia per fare cinema. Che sia un nuovo graditissimo ritorno di Aristoteles?

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!