Allevamento a Ferretto, chiesto un passo indietro: rivedere il Testo unico

Allevamento a Ferretto, chiesto un passo indietro: rivedere il Testo unico

Redazione

Allevamento a Ferretto, chiesto un passo indietro: rivedere il Testo unico

Mer, 26/01/2022 - 14:58

Condividi su:


Castiglione, i consiglieri della Lega: ineccettabili le modifiche al regolamento | Invocato un esame più approfondito in Consiglio comunale

Rivedere gli articoli del Testo unico del governo del territorio, mentre le modifiche al regolamento sono considerate “inaccettabili”. Così la Lega di Castiglione del Lago in merito all’allevamento avicolo intensivo di Ferretto.

“Non è ammissibile – attaccano i consiglieri del Gruppo Lega Paolo Terrosi e Lorenzo Nardelli – che questa amministrazione abbia introdotto la riduzione delle distanze tra gli allevamenti ed abitazioni, nonché l’ampliamento del 25% degli allevamenti, con una modifica al regolamento per noi inaccettabile”.

“Questo allevamento – proseguono i consiglieri – non porterà nulla di
buono per il nostro territorio, ma anzi creerà solto forti disagi per i
cittadini, soprattutto per quelli di Ferretto e di Piana adiacenti agli
stabilimenti, senza dare la minima contropartita a carattere economico
ed occupazionale, se non per la proprietà. In modo particolare vogliamo rammentare la presa di posizione degli ex consiglieri Bernardini e Lodovichi, laddove, nella passata amministrazione, ricordano a tutti di aver dedicato diverse commissioni per discutere di allevamenti intensivi. Al contrario invece di questa amministrazione che ha fatto solo due commissioni sulla questione, nell’arco di otto mesi, sicuramente in maniera non sufficiente, per poi approdare direttamente in consiglio comunale a colpi di maggioranza, dove il nostro gruppo Lega ha fatto sentire la propria contrarietà, votando contro”.

Ricordano Lodovichi e Bernardini che il testo unico non prevedeva l’aumento della superficie delle stalle, non venivano ridotte le distanze e gli allevamenti dismessi, resi inoperativi da più di tre anni, dovevano esser chiusi definitivamente con il ritiro del codice anagrafico aziendale. Inoltre, secondo quel testo il riutilizzo e il recupero degli impianti veniva sottoposto ad un percorso autorizzativo molto complesso con l’applicazione di norme stringenti in materia igienico-sanitaria.

Allevamento avicolo,
la note dell’Amministrazione

Il Gruppo Lega aveva chiesto sia in commissione che in consiglio
comunale, che il testo unico regolamentare del governo del territorio
venisse esaminato e votato per capitoli, proprio perché il testo
normativo è formato da ben 252 articoli. Ma ciò non è stato possibile in
quanto, con le due uniche commissioni indette, tutti gli articoli non
sono stati analizzati nello specifico, andando avanti ancora una volta
in consiglio a colpi di maggioranza.

“Sicuramente – proseguono i due consiglieri della Lega – se ci fosse stata buona volontà e se avessimo iniziato e continuato ad esaminare tutti gli articoli, fin dalla prima commissione, del luglio 2020, fissando il lavoro in commissione con almeno scadenze bimestrali, probabilmente sarebbero state apportate importanti modifiche od integrazioni su argomenti così importanti per la cittadinanza”.

A questo punto la Lega propone di rivedere l’articolo 39 del testo in oggetto, nel suo complesso per modificarlo, integrarlo o addirittura cancellandone alcune sue parti in base alle nuove condizioni che si sono venute a manifestare nell’ultimo periodo.

“E non ci si venga a dire – proseguono Terrosi e Nardelli – che non si può esaminare un testo già approvato in Consiglio, perché tutto si può fare o disfare basta solo la volontà di farlo. Pertanto – concludono i consiglieri – il Gruppo Lega chiede all’amministrazione comunale di ritornare sui propri passi e riesaminare tutti insieme gli articoli del Testo unico del governo del territorio riguardanti gli allevamenti intensivi, dando un particolare ascolto alle esigenze della cittadinanza”.

Allevamento di Ferretto:
dibattito, ma solo a distanza

(foto generica di archivio)

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!