“Alleva la speranza”, c’è un’azienda umbra tra quelle sostenute dai fondi di Legambiente ed Enel

“Alleva la speranza”, c’è un’azienda umbra tra quelle sostenute dai fondi di Legambiente ed Enel

Il crowdfunding per aiutare piccoli allevatori del Centro Italia a coltivare nuovi progetti di crescita dopo il sisma del 2016

share

“Alleva la speranza” è la raccolta fondi promossa da Legambiente ed Enel per aiutare le aziende del Centro Italia a coltivare nuovi progetti di crescita dopo il sisma del 2016.

Tra le prime beneficiarie della campagna di crowfunding, realizzata attraverso la pittaforma PlanBee, Alessia Bradimante e la sua azienda familiare di Norcia con un allevamento di ovini con 400 capi e un caseificio per la lavorazione del latte.
Le altre sono Amelia Nibi di Amatrice, Teresa Piccioni di Pietralta di Valle Castellana e Silvia Bononi di Ussita che sono state tutte fortemente danneggiate dalle scosse.
Per sostenere Alessia, che userà i fondi della campagna per una mungitrice mobile e le altre allevatrici c’è ancora tempo fino al 31 marzo e basta accedere alla piattaforma https://www.planbee.bz e fare la propri a donazione.

Le imprese di allevamento e di trasformazione di prodotti di straordinaria qualità che hanno deciso di continuare a vivere e resistere in questi territori, sono veri e propri presidi civili che hanno bisogno del sostegno di tutto il Paese per continuare ad immaginare il futuro e trasformare i loro progetti di crescita in realtà, nella loro terra, che amano profondamente.
Con Alleva la Speranza sono stati raccolti ad oggi 23 mila euro, grazie all’aiuto di Enel e Legambiente e al sostegno di oltre 150 donatori. “Alleva la speranza” durerà ancora due anni e coinvolgerà venti tra allevatori e allevatrici nel Centro Italia del post terremoto.

share

Commenti

Stampa