Aeroporto San Francesco, caso Fly Volare sempre più politico | Smacchi (Pd) interroga Giunta Regionale - Tuttoggi

Aeroporto San Francesco, caso Fly Volare sempre più politico | Smacchi (Pd) interroga Giunta Regionale

Carlo Vantaggioli

Aeroporto San Francesco, caso Fly Volare sempre più politico | Smacchi (Pd) interroga Giunta Regionale

Il consigliere di maggioranza, "Siamo alle rotte fai da te?" | "Chiarire al più presto per evitare ricadute su credibilità Sase e Regione"
Gio, 03/08/2017 - 09:50

Condividi su:


Da questione squisitamente tecnica, il caso Fly Volare e l’annuncio delle nuove rotte, ma senza licenze in mano e con la Sase consapevole del gap autorizzativo (CLICCA QUI), si sta trasformando in gigantesco caso politico regionale. Il motivo per cui la politica si scatena è complesso per quanto però, evidente. L’attacco all’operazione “nuove rotte in Umbria” non proviene infatti da una fazione politica avversaria (CLICCA QUI) o da associazioni o enti esterni  o comunque legati alla vita politica regionale, ma in questo caso arriva direttamente da un ente di garanzia e controllo dello Stato, come l’Enac. Sull’autorevolezza dell’Ente Nazionale  dell’Aviazione Civile al momento non ci sono dubbi di legittimità e quindi la politica regionale reagisce con il classico “tana libera tutti”. Mani libere dunque, anche per regolamenti di conti fratricidi. Ecco la nota del Pd, “contro” il Pd.

“All’aeroporto San Francesco siamo alle rotte fai da te?”. È quanto si chiede il consigliere regionale Andrea Smacchi (Pd) che annuncia di aver presentato un’interrogazione alla Giunta per “conoscere lo stato di attuazione delle nuove rotte all’aeroporto di Sant’Egidio alla luce delle recenti dichiarazioni di Enac e della compagnia aerea maltese FlyVolare”.

“Nella conferenza stampa del 31 luglio – spiega Smacchi – la compagnia Maltese ha attribuito a motivi di natura tecnica i ritardi sull’avvio delle tratte, problematiche che risultavano in quel momento in fase di soluzione. Successivamente Enac ha dichiarato che la società FlyVolare non si trova attualmente in possesso del Coa e della Licenza di esercizio di trasporto aereo, diffidando la compagnia maltese a diffondere notizie al momento non confermabili e dal pubblicizzare operazioni di volo e nuovi collegamenti da e per aeroporti italiani, senza aver prima ottenuto le certificazioni previste dalla normativa comunitaria”.

“Siamo consapevoli – prosegue Smacchi – di quanto l’aeroporto rappresenti per l’intera Umbria una grande opportunità capace di trainare anche i timidi segnali di ripresa che si intravedono dopo il sisma che ci ha colpito. Ma a fronte delle dichiarazioni di Enac – conclude – sarebbe di rilevante importanza risolvere e chiarire al più presto le problematiche che si sono presentate al fine di portare a compimento, seppur in ritardo, quanto concordato, cercando di limitare al minimo le ricadute negative sulla credibilità e l’immagine di SASE e più in generale della nostra regione”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!