Ad Orvieto laboratori di lirica con i musicisti del Metropolitan

Ad Orvieto laboratori di lirica con i musicisti del Metropolitan

Giovani cantanti provenienti da Usa, ma anche da Messico, Nuova Zelanda e Australia a Orvieto per approfondire la conoscenza della tecnica e dell’interpretazione vocale

share

È di questi giorni un’esperienza di collaborazione con importanti artisti del mondo lirico, in grado di portare Orvieto alla ribalta internazionale. Grazie all’intuito ed alla tenacia del Maestro Riccardo Cambri, un gruppo consistente di giovani cantanti provenienti soprattutto dagli Stati Uniti d’America, ma anche da Messico, Nuova Zelanda e Australia, si sono ritrovati sulla rupe per approfondire la conoscenza della tecnica e dell’interpretazione vocale.

Il soprano Clara Salomon ha organizzato nei dettagli la Vocal Academy Orvieto di cui è docente assieme a due solisti straordinari del Teatro Metropolitan di New York: il soprano  Marie Te Hapuku ed il tenore Hugo A. Vera.

Gli intensi laboratori si sono realizzati presso la Scuola Comunale di Musica, grazie alla puntuale collaborazione dell’Associazione Musicale “Adriano Casasole” che ha curato l’allestimento di vari concerti pubblici: a Piazza della Repubblica, alla Sala Unità d’Italia, presso il Pozzo di San Patrizio e sulla terrazza del bar Hescanas in Piazza Duomo.

Il Maestro Cambri ha seguito al pianoforte, quale vocal coach, i giovani studenti, dispensando loro consigli e strategie per interpretare con proprietà il repertorio lirico italiano. “Una splendida esperienza, che ha fatto conoscere Orvieto a tanti ottimi colleghi musicisti provenienti dagli Stati Uniti”, precisa il pianista orvietano; “questa può essere una delle chiavi di sviluppo culturale della nostra città, basta solamente volerlo e crederci fortemente. Le bellezze artistiche e paesaggistiche di Orvieto e la preziosa ospitalità dei suoi cittadini sanno, poi, affascinare chiunque. Ora dobbiamo tutti collaborare affinché questa esperienza, da tremulo tentativo si tramuti in iniziativa concreta e duratura”.

share

Commenti

Stampa