Ad Orvieto il 2° “Festival Nazionale del Gioco e delle Tradizioni”

Ad Orvieto il 2° “Festival Nazionale del Gioco e delle Tradizioni”

Per tre giorni Orvieto torna capitale del gioco con eventi nelle principali piazze del centro storico. Il festival si apre con il convegno sul tema: “E-sport, il futuro è tutto qui? Videogames tra reale e virtuale: opinioni a confronto” che metterà di fronte passato e futuro

share

 Per iniziativa del Comitato UISP Orvieto – Medio Tevere, della Struttura di attività nazionale Giochi UISP e del Comitato regionale UISP Umbria, e dopo il successo della prima edizione del 2017, Orvieto torna capitale del gioco, dal 21 al 23 settembre 2018 con il 2° Festival Nazionale del Gioco e delle Tradizioni.

Evento patrocinato dal Comune di Orvieto che vede la preziosa collaborazione di Ali per Giocare, Associazione Gio.Na e la partecipazione di: Associazione TeMa, Folkfest, Associazione Piccoli Passi, Unitre Orvieto, Associazione Sul Filo e Collettivo Teatro Animazione, Age Orvieto, Associazione Diamoci una Mano, Protezione Civile Orvieto, Croce Rossa Italiana / sezione Orvieto e dei tanti che collaborano alla buona riuscita della manifestazione.

Una tre giorni ricca di giochi in piazza adatti a tutti e un convegno sugli e-sport, ma anche tornei, laboratori, camminate, degustazioni e mercatini faranno da cornice all’evento.

Si aprirà venerdì 21 settembre alle 9.30 al Palazzo del Capitano del Popolo, con il convegno dal titolo: “E-sport, il futuro è tutto qui? Videogames tra reale e virtuale: opinioni a confronto” che metterà di fronte passato e futuro. Vi prenderanno parte varie classi delle scuole primarie, medie inferiori e superiori di Orvieto e sarà interessante ascoltare l’opinione dei ragazzi visto che recentemente si è tornati a parlare dell’eventuale introduzione dei videogiochi tra gli “sport” olimpici. Ma i videogiochi possono essere considerati “sport”?

Il convegno organizzato dall’Uisp, in collaborazione con Gio.Na., Ali Per Giocare, Comune di Orvieto e il progetto “Active Voice” metterà a confronto specialisti del settore che porteranno argomenti a favore o contrari a questa tesi. Intervengono, tra gli altri, Giuseppe Germani, Sindaco del Comune di Orvieto; Stefano Rumori, Presidente della Uisp Umbria; Domenico Scaramozzino, gamer di giochi elettronici e da tavolo; Alan Mattiassi, Docente di Psicologia della comunicazione e membro del comitato scientifico dell’Archivio Italiano dei Giochi; Giorgio Gandolfi, Esperto di Giochi e Vicepresidente PlayRes; Marco Cristofori, Responsabile dell’Area Promozione Salute della Ausl Umbria 2 e Coordinatore Scientifico del Cersal / Centro di Ricerca e formazione per la Salute unica e l’Alimentazione; Alessio Crisantemi, direttore della rivista “Gioco News”; Raffaella Chiodo, coordinatrice del progetto Active Voice e Vincenzo Manco, presidente nazionale della Uisp. Coordina Ivano Maiorella, giornalista e responsabile nazionale comunicazione della Uisp.

Dalla mattina di venerdì 21 sino a domenica 23 settembre Orvieto diventerà un’autentica città del gioco e delle tradizioni, con le sue piazze storiche che diverranno altrettante “stazioni” dove verranno allestite diverse tipologie di attività ludiche. In questo modo i circa mille ragazzi delle scuole, insieme a cittadini e visitatori, potranno transitare da una “stazione” all’altra e cimentarsi con i vari giochi organizzati dalla Struttura di attività nazionale Giochi Uisp, da Uisp Umbria e Uisp OrvietoMedio Tevere.

Il “gioco delle Stazioni” occuperà piazza del Popolo, piazza Duomo, piazza della Repubblica, piazza Viviaria e Palazzo dei Sette nei tre giorni del Festival dalle ore 10:00 alle 13:00 e dalle ore 15:00 alle 19:00.

La sera di Venerdì 21 Settembre alle ore 21.00 nell’atrio del Palazzo dei Sette ci sarà l’appuntamento “Incontro con Mamma e Papà”. Viviana Luongo, ludo pedagogista e Domenico Scaramozzino, gamer, incontrano genitori e adulti curiosi per un confronto sui modi di giocare contemporanei tra virtuale e reale.
Le varie “stazioni” ospiteranno tornei (scacchi, dama, carrom, biliardino, burraco, flipper, tennis tavolo), giochi di abilità (nala, twister, memory, gruviera, rimbalzino, delirio, barattoli, damigiana, tubo, noci, chiodi, anelli, going, ferri di cavallo, jenga gigante, costruzioni di legno), giochi da tavolo (dama, scacchi, burraco, biliardino, tennis tavolo, flipper) e giochi di movimento (aquiloni, carrioli, modellismo radiocomandato, tiro alla fune, pista biglie, birilli, hula hop, corde,bowling, mini tennis, tiro con l’arco, giochi di ruolo e simulazione, giocoleria, braccio di ferro, ruzzola).

Ad arricchire il già denso programma del Festival sabato 22 settembre a Palazzo dei Sette dalle ore 16.00 alle 19.00 ci saranno le degustazioni “Il pasto del posto” e, in collaborazione con TeMa e Folkfest, alle ore 21.30 al Teatro Mancinelli lo spettacolo con “Perché non canti più” – concerto spettacolo per Gabriella Ferri Syria & Pino Strabioli (info botteghino tel. 0763 340493).

Domenica 23 alle ore 9:00 con partenza dalla Fortezza Albornoz in Piazza Cahen ci sarà “Street Workout”, fitness outdoor in un percorso interamente cittadino, su base walking dinamico con stazioni di fitness nelle piazze e nelle vie del centro storico cittadino, con arrivo in Piazza Duomo.
Nella serata di domenica 23 alle 17:00 in Piazza del Popolo ancora musica con lo spettacolo folk delle terre orvietane e dell’antica Etruria rurale che avrà per protagonista la “Compagnia de la Panatella”.

Nelle giornate del Festival, da venerdì 21 a domenica 23 si svolgerà un Torneo di burraco presso le sedi di Palazzo Simoncelli (Sede Unitre Orvieto) e Palazzo dei Sette.

Aggiornamenti sulla pagina Facebook Festival Nazionale del Gioco e delle Tradizioni. Segreteria organizzativa tel. 0763.390007 – 320.7471717. Segreteria giochi 392.2297039. Email: orvietomediotevere@uisp.it

share

Commenti

Stampa