A Marsciano presentato il progetto di restauro del Teatro Concordia - Tuttoggi

A Marsciano presentato il progetto di restauro del Teatro Concordia

Redazione

A Marsciano presentato il progetto di restauro del Teatro Concordia

Dom, 01/04/2012 - 08:39

Condividi su:


Sono stati presentati sabato 31 marzo 2012, in occasione dei festeggiamenti per i 140 anni del teatro Concordia, i lavori di riqualificazione e ammodernamento che cambieranno il volto della struttura.

Il 2012 coincide con il 140° anniversario dell’atto di nascita del teatro Concordia di Marsciano. Era, infatti, il 1872 quando 25 cittadini di Marsciano siglarono l’accordo che avrebbe portato, di lì a qualche anno, alla costruzione del teatro a loro spese, su un terreno messo a disposizione dal Comune. La ricorrenza è stata festeggiata nel pomeriggio di sabato 31 marzo alla presenza di tanti cittadini e delle autorità intervenute. Sul palco del Concordia si sono alternati Alfio Todini, Sindaco di Marsciano, Valentina Bonomi, Assessore alla cultura del Comune di Marsciano, Fabrizio Bracco e Stefano Vinti, Assessori, rispettivamente, alla Cultura e alla Programmazione Opere pubbliche della Regione Umbria, Manuel Vaquero Piñeiro, docente di Storia economica all’Università di Perugia, Romolo Abbati, titolare della gestione del teatro Concordia. I loro interventi si sono alternati con la proiezione di alcuni video, realizzati da Marsciano 7, sulla storia del teatro e di alcuni dei personaggi e delle associazioni che lo hanno animato in questi anni. Tra i filmati presentati anche il saluto di tre giovani e bravi attori che proprio sul palco del Concordia hanno mosso i primi passi, ovvero Ilaria Falini, Caterina Fiocchetti e Marco Bocci.

Nel corso della serata è stato presentato il progetto di riqualificazione strutturale e ammodernamento tecnologico che, nei prossimi mesi, rinnoverà il look del teatro. Il progetto è finanziato con fondi regionali, comunali e privati dell’azienda che gestisce la struttura. L’investimento di parte pubblica ammonta a 240mila euro, di cui 52 provenienti dal bilancio comunale e 188 dal contributo regionale attraverso i fondi del Piano per le opere pubbliche. A questo si aggiunge l’investimento di AB Cinematografica, soggetto gestore del teatro, per circa 160mila euro.

Gli interventi riguarderanno gli aspetti della sicurezza, della climatizzazione, del confort e dell’acustica. Sarà realizzato un nuovo camerino con accesso diretto sul palco e l’attuale rivestimento in alluminio sarà sostituito con un doghettato in legno che ottimizzerà la diffusione sonora. Tra gli interventi a carico del gestore ci sarà la sistemazione di nuove poltrone al posto delle attuali, in platea e galleria, e l’acquisto di un nuovo proiettore digitale che consentirà anche la proiezione del 3D e di eventi live. I lavori partiranno nei prossimi mesi per concludersi entro settembre.

“Questi interventi – ha spiegato l’Assessore alla Cultura del Comune di Marsciano Valentina Bonomi – ci restituiranno una struttura più bella, fruibile e confortevole, a tutto vantaggio dei suoi tanti utilizzatori. Il teatro Concordia rappresenta uno dei cuori culturali della nostra comunità. Non è solo il luogo in cui si proiettano film o si mettono in scena opere teatrali, ma è anche, e soprattutto, un punto di riferimento per tutto il territorio, a partire dalle scuole e dalle associazioni. Possiamo veramente dire che sono pochi i marscianesi che nell’ambito delle proprie attività artistiche, scolastiche, sociali o culturali non hanno calcato il palco di questo teatro”.

Ci ha pensato il Sindaco Alfio Todini a ringraziare tutti i soggetti, pubblici e privati, che, con un impegno corale, hanno reso possibile questo progetto di ristrutturazione e ammodernamento. “Il vero valore di questo intervento – ha poi concluso il Sindaco Todini – starà tutto nella capacità di questa comunità di continuare a utilizzare questa struttura come e più di prima. Una struttura che si inserisce come punto di riferimento sull’asse che va da Perugia a Terni. Marsciano sta quindi scommettendo su un investimento importante per il proprio futuro, con l’ammodernamento del teatro che si inserisce in un quadro che vede anche gli interventi di valorizzazione della biblioteca e di riqualificazione urbanistica del centro storico”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!