A Gualdo Tadino la prima edizione del Mondiale di Tiro con la Fionda

A Gualdo Tadino la prima edizione del Mondiale di Tiro con la Fionda

Dal 21 al 24 giugno la città diventerà capitale della specialità con oltre 250 partecipanti da 20 nazioni

share

Il primo mondiale di Tiro con la Fionda a Gualdo Tadino. La passione di riscoprire un vecchio gioco per tramutarlo in un vero sport, questa la missione e il sogno che si sta per realizzare nella città umbra che, dal 21 al 24 giugno, diventerà la capitale di questa specialità con circa 250 partecipanti da 20 nazioni.

A organizzare il primo mondiale della storia sarà la Federazione italiana giochi e sport tradizionali affiliata al Coni, insieme alla Asd Gruppo Fiondatori di Gualdo Tadino, con il patrocinio del Comune, dell‘Ente Giochi de le Porte e della Regione dell’Umbria, unitamente al Coni Regionale presieduto dal Gen. Domenico Ignozza. A ospitare la manifestazione sarà l’area degli impianti sportivi del “Carlo Angelo Luzi”, che diventerà una cittadella dedicata a questa attività e a stand dove poter gustare prodotti locali e cimentarsi in questo sport.

Il legame di Gualdo Tadino con il tiro della fionda è legato ai Giochi de le Porte, dove rappresenta una delle quattro prove in cui è articolato il Palio di San Michele Arcangelo. Se da un lato il somaro è il vero protagonista, con due gare, e il tiro con l’arco ha da sempre specialità olimpiche, i fiondatori hanno sentito solo alcuni anni fa l’esigenza di creare una propria associazione un proprio campionato. È nato così un campionato italiano, poi la partecipazione ai campionati europei, dove i fiondatori gualdesi hanno fatto incetta di titoli. Mancava però il confronto mondiale. Da questa mancanza, l’idea dell’associazione gualdese, presieduta da Sergio Sabbatini, di creare a Gualdo Tadino il primo campionato mondiale.

Il programma è ricco di eventi sportivi e collaterali. A partire dalla mascotte “Primo”, “un asino che tira con la fionda, volto a suggellare il legame tra questo sport e i Giochi de le Porte – spiegano i fiondatori gualdesi – Il suo nome è ‘Primo’ poiché si tratta del primo evento a carattere planetario nel suo genere”. L’esordio sarà il 21 giugno alle 9, con l’apertura degli stand dell’area esterna al palazzetto dello sport, oltre alla presentazione al “Teatro Talia” del mondiale stesso. Gli stand rimarranno aperti sino alla fine dell’evento e saranno dedicati all’enogastronomia e al mondo del tiro con la fionda. Poi il meeting di apertura con i delegati delle nazioni partecipanti, volto alla creazione del primo consiglio internazionale per sognare ancora più in grande, dove si parlerà del regolamento del mondiale 2018, nonché della organizzazione dei mondiali successivi. Nel pomeriggio, alle 15, via alle prove. La sera in piazza Martiri, alle 21, la cerimonia di apertura, con una partecipazione anche del mondo dei Giochi de le Porte con un corteo di figuranti in abito medievale ed esibizione degli sbandieratori. Durante la cerimonia verranno presentate le varie nazionali e ci sarà il saluto di ospiti illustri del mondo dello sport italiano. Il 22 e il 23 il vivo delle gare del singolo, fino al 24 con la finale a squadre a partire dalle ore 10. Premiazioni e cerimonia di chiusura previste per le 14.

Ma prima della cerimonia di premiazione gli oltre 250 tiratori si cimenteranno nella prova del Guinness World Record per decretare l’ingresso della Federazione italiana Giochi e sport tradizionali – Figest – (nonché tutti gli atleti partecipanti) nel famosissimo libro dei record, momento veramente entusiasmate sia per i partecipanti sia per chi avrà il piacere di assistere all’evento.

share

Commenti

Stampa