A Foligno aumentano i disoccupati, i dati di IRES-CGIL - Tuttoggi

A Foligno aumentano i disoccupati, i dati di IRES-CGIL

Redazione

A Foligno aumentano i disoccupati, i dati di IRES-CGIL

Cala l'occupazione, secondo il centro per l'impiego -746 contratti attivati in poco più di un anno
Sab, 04/08/2018 - 09:38

Condividi su:


“L’occupazione e il lavoro continuano a essere la priorità del nostro territorio.Avendo elaborato come IRES-CGIL, i dati del Centro per l’Impiego emerge una situazione sempre più drammatica e preoccupante.

Nel territorio di Foligno (che compreso il capoluogo coinvolge 23 comuni),la differenza tra assunzioni e cessazioni di contratti attivati,  porta ad un drammatico segno meno, corrispondente a 746 unità.Infatti  nel periodo preso in esame (aprile ’17 – giugno ’18) le cessazioni dei rapporti di lavoro sono state pari a 27.131 mentre le attivazioni(assunzioni) sono state pari a 26.385.

Tenendo conto che la maggioranza dei contratti sono a termine (circa l’85%), il numero dei disoccupati è aumentato in maniera ancora più consistente del gap tra attivazioni e cessazioni. Infatti, nella differenza tra chi è entrato dalla disoccupazione e chi ne è uscito, il numero delle persone che è  entrato nella disoccupazione(sempre nel periodo aprile’17-giugno’18) è aumentato di 2.885 unità.

Questo il dettaglio di aumento dei disoccupati comune per comune:

  • Bevagna + 45,
  • Campello +36,
  • Cascia + 56,
  • CastelRitaldi +63,
  • Cerreto +12,
  • Foligno +1.118,
  • Giano dell’Umbria +55,
  • Gualdo Cattaneo +52,
  • Gualdo Tadino +263,
  • Montefalco +59,
  • Nocera Umbra + 74,
  • Norcia +25,
  • Poggiodomo 0,
  • Preci + 9,
  • S.Anatolia di Narco + 11,
  • Scheggino + 12,
  • Sellano + 13,
  • Spello + 125,
  • Spoleto + 654,Trevi +87,
  • Vallo di Nera +5,
  • Valtopina +14.

Il quadro che abbiamo delineato prima è molto chiaro: calano i contratti e aumentano enormemente i disoccupati. I 2 dati divergono, perché  molte persone sono costrette ad  attivare nell’arco dell’anno più contratti (essendo gran parte dei contratti temporanei) e questo spiega l’enorme aumento delle persone entrate nella disoccupazione.

Tutto questo esige politiche economiche e del lavoro alternative, esattamente opposte alla reintroduzione dei “voucher” che rischiano  di allargare ulteriormente la precarietà!”

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!