10 nuovi autovelox a Spoleto, 5 in via Marconi. Installazione dopo Natale - Foto Tuttoggi.info - Tuttoggi

10 nuovi autovelox a Spoleto, 5 in via Marconi. Installazione dopo Natale – Foto Tuttoggi.info

Redazione

10 nuovi autovelox a Spoleto, 5 in via Marconi. Installazione dopo Natale – Foto Tuttoggi.info

Mer, 21/12/2011 - 19:40

Condividi su:


Jacopo Brugalossi

Si chiamano Speed Check e si basano più o meno sullo stesso principio dei Tutor in autostrada: dare la percezione agli automobilisti di essere controllati e potenzialmente a rischio multa 24 ore su 24. Il Comune di Spoleto installerà 10 nuove colonnine arancioni a partire dal 27 dicembre. Saranno attive sin da subito, senza alcun periodo di pre-esercizo, come invece accadde per i varchi elettronici della ZTL.

5 saranno posizionate lungo Viale Marconi, dal ponte della ferrovia fino quasi a Pontebari. 3 verranno installate a S. Martino in Trignano, nel tratto di strada con la maggior concentrazione di abitazioni; 2, infine, troveranno posto a San Giovanni di Baiano. Dalle rilevazioni sistematiche effettuate dalla Polizia Municipale di Spoleto questi luoghi risultano essere quelli lungo i quali gli automobilisti tendono a premere maggiormente sull’acceleratore. Dal 23 al 27 novembre scorso, per esempio, lungo Viale Marconi sono state registrate velocità ben superiori ai 100 km/h, anche in pieno giorno (il dato più incredibile è un passaggio a 115 km/h alle 11:24 di mattina). La situazione è ancor più preoccupante nel centro abitato di San Martino in Trignano, dove sono state riscontrate velocità di punta che sfiorano i 130 km/h.

“L’eccessiva velocità – ha sottolineato il coordinatore nazionale del progetto ‘Noi Sicuri’ Paolo Goglio – è una delle principali cause di incidente nei centri urbani, specialmente in prossimità degli incroci a raso e degli attraversamenti pedonali. Tramite gli Speed Check si tenta di indurre nell’automobilista la percezione del controllo 24 ore su 24, cosa che non può avvenire tramite una postazione mobile della Polizia Municipale. In sostanza si tratta di un meccanismo più psicologico che tecnologico, che, stando ai numeri, sta ottenendo i risultati auspicati in tutti i territori dov'è applicato”.

Non saranno attivi tutti contemporaneamente i 10 Speed Check di Spoleto. Spetterà alla Polizia Municipale, di volta in volta, decidere in quale colonnina posizionare l’autovelox per renderla funzionante. Dopodiché, come disposto dalla legge, la pattuglia della Municpale dovrà presidiare l’apparecchio rimanendo in zona, ma ciò non vuol dire che i Vigili debbano stazionare accanto alla colonnina, gli basterà essere nelle vicinanze. La legge prevede anche la possibilità che uno Speed Check rimanga attivo per tutta la notte senza il presidio della Municipale, anche se in quel caso le multe eventualmente elevate avranno un importo ridotto e non prevederanno la decurtazione dei punti patente.

“Non è un modo per fare cassa” – ha sottolineato a più riprese l’assessore Gian Carlo Cintioli -. Gli Speed Check verranno installati per tutelare l’incolumità dei cittadini e soprattutto il bene più importante di tutti, la vita”. “Andare a 120 all’ora in Viale Marconi è qualcosa di folle – ha aggiunto il Comandante della Polizia Municipale di Spoleto Vincenzo Russo – che rischia di avere conseguenze terribili, di cui si conserverebbe il triste ricordo per molto tempo”. Amministrazione Comunale e Polizia Municipale si augurano che gli Speed Check educhino gli automobilisti al rispetto dei limiti di velocità e non escludono che, qualora il provvedimento dovesse funzionare, nuove colonnine arancioni potrebbero trovare posto in altri punti critici della città, compatibilmente con le risorse economiche disponibili. Intanto sono 20mila gli euro spesi per completare questa prima tranche del progetto.

Autovelox fissi sulla Flaminia è l’altro tema affrontato nella conferenza stampa di oggi. Saranno due, entrambi posizionati in direzione Terni-Spoleto. Il primo al km 116, dopo il bivio per Ancaiano, il secondo al km 126, all’altezza dell’ingresso nord di Spoleto. In questo caso però, l’iter per il montaggio e l’attivazione è più lungo e laborioso di quello degli Speed Check, visto che la autorizzazioni necessarie devono essere rilasciate dalla Prefettura. Molto diverso anche l’aspetto economico della vicenda. Ognuno dei due apparecchi fissi costa infatti 100mila euro.

La guerra alle soste selvagge su tutto il territorio comunale è l’ultimo “sasso” lanciato dall’assessore Cintioli, stufo del caos che le auto parcheggiate “a casaccio” creano nelle ore di punta in alcune strade di Spoleto, dove per passare indenni bisogna prodigarsi in veri e propri slalom speciali. “Ora siamo sotto Natale, cercheremo di non infierire. Ma dal primo gennaio sarà guerra”, ha sentenziato.

Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!