Terni, torna incubo incendio in Valserra | Canadair in azione

Terni, torna incubo incendio in Valserra | Canadair in azione

Vigili del Fuoco ancora a lavoro

Aggiornamento ore 10:00 del 10 agosto – Una notte di apprensione e lavoro senza sosta, per  cercare di domare le fiamme che da tre giorni ormai stanno divorando ettari di bosco e vegetazione, minacciando a tratti anche le case della frazione di Terni, Rocca San Zenone. Una notte che purtoppo non ha vinto sul fuoco. Già in azione da  questa mattina il Canadair a supporto delle squadre a terra dei Vigili del Fuoco, Carabinieri Forestali e Protezione Civile. In arrivo a breve anche un elicottero, mentre la situazionesi fa sempre più critica e il rogo torna ad avvicinarsi alle case.


Aggiornamento ore 22.35 – Continua a bruciare senza sosta il versante della Valserra interessato dal vasto incendio che da due gioni sta mettendo a dura prova il lavoro dei Vigili del Fuoco e di tutte le forze dell’ordine coinvolte nella  gestione dell’emergenza.

Di notte le lingue di fuoco son ben visibili e sembra che stiano scendendo sempre più a valle, tanto che una folla di curiosi arriva il più vicino possibile al rogo per vedere il paesaggio ‘infernale’ che offrono gli alberi divorati dalle fiamme.

Intanto la pista delle indagini dei Carabinieri Forestali porta sempre più verso il dolo; sembra infatti che il fuoco sia stato appiccato a dei rifiuti lasciati in strada.

A questo proposito, il consigliere del M5S, Thomas De Luca ritiene che ci sia: “la necessità assoluta di un approfondimento straordinario in commissione di garanzia e controllo al fine di verificare il motivo per cui da un anno e mezzo non sono partiti i controlli previsti dell’abbandono dei rifiuti nonché una revisione straordinaria del contratto di affidamento ad ASM-Cosp della gestione della raccolta differenziata.

Vogliamo verificare punto per punto l’applicazione del contratto e dell’offerta economica”.


Aggiornamento ore 19.25 – L’evacuazione del centro abitato di Rocca San Zenone, che interessa 59 persone, andrà avanti almeno sino a venerdì. E’ il risultato del punto della situazione di questa mattina che ha visto la partecipazione del sindaco Leopoldo di Girolamo, della Protezione Civile Comunale e di tutti i soggetti che sono impegnati nelle operazioni di spegnimento dell’incendio. Visto il protrarsi dello sgombro del centro abitato la Protezione Civile comunale ha deciso, per rendere più agevole la permanenza fuori casa delle persone evacuate, di ospitare in albergo chi non ha trovato altro tipo di sistemazione. Al momento sono 15 le persone che da questa sera saranno alloggiate in una struttura ricettiva cittadina.

Attualmente il centro abitato di Rocca San Zenone è interdetto e le persone possono recarsi a casa – accompagnate da personale addetto alla sicurezza – solo per prelevare generi di prima necessità. Gli ulteriori due giorni di evacuazione sono necessari in quanto oggi si conta di domare completamente l’incendio a ridosso del centro abitato e che ha interessato la zona boschiva in un raggio di tre chilometri in direzione Acquapalombo; domani si procederà alla verifica statica dei massi che sovrastano le case e la strada provinciale Valserra. Solo se non saranno riscontrate criticità sarà possibile il rientro nelle abitazioni. Sul posto sono già al lavoro gli addetti alle reti tecnologiche per riparare alcuni guasti o metterle in sicurezza.


Aggiornamento ore 18.00 – Sono arrivati anche i canadair a dare supporto alle forze di terra dei Vigili del Fuoco che sono ancora impegnati nello spegnimento dei nuovi focolai che si sono sviluppati a Rocca San Zenone. Inzialmente, si era temuto che per le molteplicità in tutto il territorio nazionale, i mezzi di aria non potessero dare il loro supporto, ma, fortunatamente, alcuni mezzi sono risultati poi disponibili.

Apprensione tra i residenti evacuati dalla Valserra che sono costretti a seguire l’evolversi della vicenda lontani dalle loro case, quando, nella mattinata di oggi, sembrava che tutto fosse risolto.


Sembravano ormai domate, tanto che i Vigili del Fuoco stavano procedendo con le operazioni di bonifica dell’area, ma le fiamme hanno trovato nuov forza nel vasto rogo che ha interessato la Valserra. Si era predisposto anche la riapertura delle strade e il normale transito dei treni e le famiglie evacuate sembrava potessere tornare a breve nelle loro case.

Ma il fuoco ha iniziato a divorare ancora il bosco e le operazioni di spegnimento sono in corso.

 

Stampa