Welfare, l'Umbria stanzia 4 milioni e 500mila euro per le famiglie

Welfare, l'Umbria stanzia 4 milioni e 500mila euro per le famiglie

share

(Ale. Chi.) – Un supporto per la famiglia finanziato dall'assessorato per il Welfare, con la figura di Carla Casciari, già vicepresidente della Regione Umbria: un aiuto, nello specifico, di circa 4 milioni e 500 mila euro, che finanzierà la seconda tranche a favore dei nuclei più in difficoltà. L'annuncio arriva per bocca dello stesso assessore Casciari, nel corso di una conferenza stampa che si è svolta oggi a Perugia nella sede della Giunta regionale di Palazzo Donini.

La somma a disposizione si divide in 3 milioni per le risorse regionali, e in 1 milione e 500 mila euro di finanziamenti comunitari nell'ambito dell'ex 'Fas' ora 'Fsc. “Nel 2013 – ha ricordato la Casciari – la Regione ha promosso interventi nell'area del sociale e quindi anche di supporto alla famiglia, per un investimento complessivo di oltre 17 milioni di euro. L'attenzione alle esigenze dei nuclei familiari è ancor più necessario oggi, a causa dell'aggravarsi della crisi economica che delinea uno scenario diversificato della situazione che le persone vivono con un numero sempre più elevato di famiglie fragili che, per il sopraggiungere di varie situazioni di svantaggio, rischiano di scivolare nel disagio conclamato, così come famiglie di fascia sociale intermedia, per una riduzione o perdita di reddito in seguito alla crisi economica, oggi costituiscono l'insorgente emergenza sociale. I dati Istat – prosegue – evidenziano che anche nella nostra regione cresce il numero dei nuclei in difficoltà che, nel 2007 era il 29 per cento, nel 2011 ha raggiunto il 39 per cento. Una percentuale che, tenendo conto dell'andamento economico è destinata a crescere”.

Le famiglie che hanno ottenuto gli aiuti sono stati nuclei che spesso non riuscivano ad accedervi: grazie ai precedenti avvisi pubblicati dalle Zone sociali, dal 2011 al 30 novembre 2013, sono stati erogati dunque 4 mila interventi di sostegno a famiglie che hanno potuto fruire di un sostegno economico immediato compreso tra i 300 e mille euro.

Riproduzione riservata

share

Commenti

Stampa