Vodivì, colori e geometrie dalla Reggia di Caserta per borse e accessori

Vodivì, colori e geometrie dalla Reggia di Caserta per borse e accessori

Il made in Italy di Reggia Collection | Materiali ecosostenibili e ricerca si incontrano per il progetto della casa di moda di Spoleto

share

Si chiama Reggia Collection ed è la nuova linea di Vodivì, la casa di moda made in Umbria, con sede a Spoleto, nota per riuscire ad unire e a trarre ispirazione dalle bellezze dell’arte e dei territori italiani. La collezione, lanciata oggi in Umbria in esclusiva nella Sala della Partecipazione di Palazzo Cesaroni a Perugia, si compone di accessori, borse e piccola pelletteria, per un’edizione limitata. Una sfida, quella della casa di moda Vodivì, che vuole lanciare sul mercato, nel connubio tra design, innovazione e artigianato artistico, prodotti fashion, ma dall’identità immediatamente riconoscibile: la collezione si ispira, per colori e immagini, alle ricche e preziose testimonianze artistiche della Reggia di Caserta, il Monumento vanvitelliano per eccellenza. Il tutto realizzato con materiali ecosostenibili e rispettosi dell’ambiente come pelle conciata al vegetale, canapa, tinture naturali e metallo nichel free, che riprenderanno la facciata del Palazzo reale o altri elementi caratteristici della Reggia.

Il progetto, d’intesa tra il direttore della Reggia, Mauro Felicori e il presidente di Vodivì srl, Luciano Lauteri, nasce con l’intuizione di potersi estendere ad altri luoghi d’arte per rafforzare il legame tra l’apparato imprenditoriale e produttivo con l’eccezionale tradizione artistica e culturale del Paese, rappresentando un’occasione di promozione e supporto economico per i grandi musei statali dotati di autonomia finanziaria dalla riforma Franceschini.

Borse e accessori raccontano così una storia, unendosi alla produzione di artigianato made in Italy di alta qualità, in grado di raccontare ad un pubblico internazionale l’arte e la cultura italiana attraverso accessori di moda unici e originali. Il gemellaggio tra  Spoleto e Caserta anticipa un percorso condiviso. La Reggia di Caserta è stata scelta in quanto una delle residenze reali più importanti e prestigiose al mondo, dal 1997 inserita nella lista del Patrimonio mondiale dell’umanità dell’UNESCO. Le borse e gli accessori di Reggia Collection saranno distribuiti nei gift shop del Museo in un apposito spazio espositivo e dalla rete commerciale di Vodivì che destinerà alla Reggia di Caserta una donazione pari al 5% del venduto. “Ci siamo resi conto – ha detto Felicori – che il merchandising negli show room dei musei attrae anche una fetta di mercato legata al lusso”. Alla vedita dei prodotti Vodivì verranno abbinati anche dei pacchetti turistici.

Per Mauro Felicori, “la Reggia di Caserta è un luogo che fa sempre più parlare di sé grazie alla sua rinascita. Era finita in un cono d’ombra, ora abbiamo raggiunto il +30% di presenze rispetto al 2015 (dal giugno precedente). Quello con Lauteri è il primo contratto che facciamo. Speriamo ci siano altri progetti e che la Reggia di Caserta appaia anche su altri gadget e creazioni”.

Il connubio artistico di Reggia Collection, la cui collezione nella sua totalità verrà poi svelata proprio durante un evento che avrà come cornice il monumento Caserta, si esprime attraverso nuance di colori di pellami che richiamano la facciata della Reggia. Quest’ultima è stata scelta anche per le geometrie delle creazioni. Il progetto poggia le sue basi sulla ricerca nelll’impiego della stampa a caldo per l’apposizione sui prodotti della facciata della Reggia. Design, innovazione e artigianato artistico trovano rappresentazione anche nell’utilizzo di materie prime di altissima qualità, come la pelle toscana tamponata a mano e certificata dal Consorzio Vera Pelle Toscana Conciata al Vegetale, e la riscoperta della tintura naturale vegetale con piante autoctone come il guado, la robbia, le galle di quercia, lo scotano.

La stilista, Beatrice Mezzetti, ha raccontato a TuttOggi.info la genesi della collezione di cui lei artista di punta: “la facciata della Reggia è l’elemento distintivo delle creazioni made in Vodivì. Le borse e gli accessori sono votati alla multifunzionalità, alla praticità, al richiamo dell’arte classica e barocca, che traspare dagli arredi e dai colori delle stanze della Reggia. Predominano i colori oro e il verde, che a sua volta richiama le pavimentazioni. Ho voluto ispirarmi anche alle geometri pulite, all’utilizzo di materiali pregiati a basso impatto ambientale, per donare alle donne che indosseranno queste borse eleganza e raffinatezza. Nella nostra filosofia, le donne non devono solo apparire ed essere ‘fashion’, ma possono indossare le nostre creazioni in ogni periodo dell’anno”.

Nell’idea “geniale“, come l’ha definita il vicepresidente del Consiglio Regionale dell’Umbria, Marco Vinicio Guasticchi, convivono la cultura, l’impresa e il marketing territoriale: “e chissà – ha aggiunto Guasticchi – se un giorno non potremmo vedere borse che ritraggono Palazzo dei Priori“.

Anche il direttore della Galleria Nazionale dell’Umbria, Marco Pierini, ha accolto di buon grado la collezione: “condividiamo l’idea. In questo modo possiamo leggere il patrimonio culturale anche in funzione materiale”. L’apertura è sicuramente legata alla promozione culturale in Umbria. “La nostra sfida sarà convincere un pubblico sempre più ampio della bontà delle creazioni. La comunicazione in questa operazione è tutto”.

©Riproduzione riservata

share

Commenti

Stampa